01/04/2020

AMBIENTE E SALUTE

"Servono più deroghe, cambiate l'ordinanza sullo smog"

"Servono più deroghe, cambiate l'ordinanza sullo smog"
Le recenti disposizioni emanate dal Comune di Rovigo in tema di lotta all’inquinamento atmosferico, recentemente ribadite alla stampa dal Sindaco: “Nessuna volontà punitiva é un tema serissimo ed è tempo di agire con fermezza. Le potenziali sanzioni sono previste dalla commissione europea considerate tassative dalla normativa comunitaria. Questo è un piccolo passo, nei prossimi anni si sarà più severi. Ci auguriamo un dibattito perché quelle che sono considerate oggi delle deroghe saranno sanzioni sistematiche nel giro di qualche anno” discendono dalla necessità di rimuovere le emissioni alla fonte, da parte dei soggetti che immettono più inquinanti in atmosfera nell’aria. Alcune categorie di persone hanno però rappresentato alcune problematiche relative alle deroghe contenute nell’Ordinanza Comunale con particolare riferimento: A- alla mancata introduzione di facilitazione per i mezzi a gasolio che, ancorchè rientranti nella categoria Euro 4, dispongono di filtri anti particolato,  che al momento dell’acquisto dell’auto ha comportato un costo notevole pur di avere il FAP  che equipara i livelli di emissione di sostanze inquinanti all’euro 5; B- alla decisione di consentire l’accesso solamente “ai veicoli con potenza inferiore o uguale a 80 kW, per i conducenti che abbiano compiuto il 70° anno di età da attestare mediante esibizione di documento di identità, limitatamente ai periodi di livello nessuna allerta (colore verde) e livello allerta 1 (colore arancio)”.   VALUTAZIONI E’ ormai dimostrato l’impatto sanitario connesso alla presenza di inquinanti: per ogni 10 µm/m3 di pm10 in più nell’aria che si respira, l’aspettativa di vita si riduce di oltre sette mesi, come riportato in alcuni studi quali: APHEA 2 Air pollution and Healt. A European Approach; NMMAPS II The National Morbidity, Mortality and Air Pollution Study, USA; nonché del Ministero della Sanità nella Meta-analisi Italiana Studi effetti a breve termine inquinamento Atmosferico. Le disposizioni, praticamente simili in tutte le Regioni del Bacino Padano aderenti al PAIR (Piano aria integrato regionale) hanno lo scopo di ridurre le emissioni degli inquinanti più critici (PM10, biossido di azoto e ozono) nel territorio regionale attraverso una serie di provvedimenti che consentiranno il risanamento della qualità dell’aria e di rientrare nei valori limite fissati dalla direttiva europea 2008/50/CE e, a livello nazionale, dal decreto legislativo che la recepisce (150/2010). Ma anche diminuire dal 64% all’1% la popolazione esposta alle conseguenze del superamento del valore limite del PM10. Pur in gran parte condividendo le azioni intraprese dal Comune di Rovigp, corre l’obbligo ricordare che il Comune di Milano, che di certo non è l’ultimo comune in materia di ordinanze antismog, nelle disposizioni in materia di controllo delle emissioni nocive ha “derogato dal blocco della circolazione: “I veicoli alimentati a gasolio, dotati di efficaci sistemi di abbattimento delle polveri sottili, per dotazione di fabbrica o per successiva installazione, omologati ai sensi della vigente normativa (per efficace sistema di abbattimento delle polveri si intende un sistema in grado di garantire un valore di emissione della massa di particolato pari o inferiore al limite fissato dalla normativa per la classe emissiva Euro 5 diesel per quella data categoria di veicolo)”. Ovviamente è’ necessaria sul veicolo la presenza del filtro FAP che risulti dalla carta di circolazione.   Inoltre, in merito alla decisione del limite di 80 kw per i conducenti che abbaino superato il 70° anno di età, non è possibile capire la ratio di questo limite, tenuto conto che per un neopatentato il limite è di 70kw. Qualsiasi sia il limite di potenza per gli over 70, la soluzione non mi trova d'accordo. RICHIESTE Alla luce di quanto sopra esposto chiedo al Signor Sindaco e all’Assessore competente: 1- se si intenda autorizzare, in deroga a quanto previsto l’accesso ai mezzi a gasolio Euro 4 dotati di efficaci sistemi di abbattimento delle polveri sottili, per dotazione di fabbrica o per successiva installazione, omologati ai sensi della vigente normativa - per efficace sistema di abbattimento delle polveri si intende un sistema in grado di garantire un valore di emissione della massa di particolato pari o inferiore al limite fissato dalla normativa per la classe emissiva Euro 5 diesel per quella data categoria di veicolo)-  ovvero con filtro FAP, in quanto l’attuale ordinanza, contrariamente a quanto asserisce il Sindaco, nella parte che non lo prevede è chiaramente PUNITIVA nei confronti dei concittadini che  che pur avendo pagato costi elevati per dotare la propria auto di sistemi di emissione equiparati per Legge agli euro 5 si vedono ingiustamente vessati da una ordinanza che li penalizza pesantemente; 2- se si intenda autorizzare il movimento sul territorio comunale dei veicoli condotti da chi ha superato il 70° anno di età, indipendentemente dal tipo di veicolo condotto. Gli anziani si vedrebbero infatti costretti a vendere l'auto  e a comprarne una nuova a più di 70 anni! Magari con una pensione che nemmeno è sufficiente ad arrivare a fine mese, e con la macchina vecchia usata che non vale nulla. Significherebbe appiedarne la maggior parte colpendo una fascia di persone che utilizza l’auto per necessità e  che andrebbe invece supportata; 3- se si intenda predisporre  interventi contenitivi  per ridurre la diffusione degli inquinanti, rimuovendoli dalle strade attraverso la pulizia sistematica delle stesse, per impedire che si diffondano ulteriormente sostanze nocive;   Resto in attesa di una risposta scritta con la speranza che non ci siano posizioni rigide ma l’intenzione di valutare con la giusta attenzione quanto evidenziato alla luce anche delle normative vigenti e  avuto riguardo alle motivate richieste avanzate da molti nostri cittadini.

Antonio Rossini  consigliere comunale

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette

Clamoroso: scoperta una pizzeria aperta. Arriva la denuncia
CORONAVIRUS IN POLESINE

Pizzeria aperta nonostante i divieti