05/04/2020

LA LETTERA DEGLI INSEGNANTI

Docenti contro la fusione delle scuole

Docenti contro la fusione delle scuole
I docenti e il personale ATA riuniti in assemblea sindacale il giorno 9 ottobre 2019, nel ribadire la propria contrarietà alla fusione con il Polo liceale di Adria, ipotesi che pare sia stata individuata per determinare la scelta di un istituto capofila nella gestione dei fondi derivanti dal Contratto di Foce, chiedono ai sindaci e agli altri componenti della commissione d’ambito territoriale di rinviare la decisione nell’incontro previsto per il 14 ottobre p. v. Dalle informazioni assunte infatti, allo stato attuale esistono ancora molti aspetti confusi circa l’assegnazione dei fondi, la possibilità di spesa, l’opportunità per un istituto scolastico di avvalersi di consulenze esterne ed il supporto tecnico ed amministrativo che le amministrazioni comunali e consortili possono fornire. In un quadro di maggiori certezze si ritiene che l’Istituto Colombo, mantenendo la propria autonomia, possa essere in grado di esperire il ruolo di capofila. Ciò, ad avviso degli scriventi, rappresenterebbe la strada ottimale, perché praticabile fin da subito. Al contrario ipotizzare una fusione rimanderebbe nel tempo la capacità di spesa, peraltro affidata ad un istituto che nel suo primo anno di vita dovrebbe gestire tutte le difficoltà di fusione di due scuole altamente complesse. Si intravvede il rischio che l’unica cosa ad andare in porto sia la fusione dei due Istituti, senza vedere la ricaduta nel territorio dei benefici previsti con i fondi del Contratto di Foce. Il rinvio richiesto è finalizzato alla possibilità che una delegazione di questo Istituto possa organizzare, a stretto giro, un tavolo tecnico per risolvere i problemi del caso.

I docenti dell’I.I.S. ‘Colombo’ di Adria

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette