Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

ROVIGO CELLO CITY

Appuntamento alla Fabbrica dello Zucchero sabato 7

ROVIGO - Pubblico delle grandi occasioni mercoledì 4 settembre alla Chiesetta del Cristo per il terzo concerto del Festival Rovigo Cello City, che ha visto protagonisti tre grandi violoncellisti, Giovanni Gnocchi, Luca Simoncini, Luigi Puxeddu, accompagnati al pianoforte dal bravissimo Davide Furlanetto. Un programma vario e ricco di fascino, in cui celebri brani del repertorio sinfonico sono stati rivisitati, grazie alle originali trascrizoni di David Vicentini, per questo particolare ensemble. Da Gluck a Sibelius, passando per Schumann, Bizet e Dvorak, è stato un vero e proprio viaggio intorno al mondo, con celeberrimi brani quali la sinfonia “Dal nuovo mondo” di Dvorak, o la Suite dalla Carmen di Bizet. Un programma nel quale i tre maestri hanno portato il loro strumento ad esprimersi in tutte le sue possibilità, un grande atto di amore per il violoncello, a cui Rovigo già da sei anni dedica questo splendido Festival. Grande successo e lunghi applausi del folto e caloroso pubblico in sala. Rovigo Cello City prosegue, dopo il concerto di Mario Brunello di venerdì 6 settembre, con un evento speciale, ospitato negli spazi esterni di CenSer Spa - Rovigo Fiere, il cui titolo  Improvviso sembra suggerire una serata all’insegna della sorpresa e delle novità. Sabato 7 settembre alle 21, presso la Fabbrica dello Zucchero, nel cortile del Padiglione B, il violoncellista ospite Francesco Dillon e i violoncelli di Rovigo Cello City,  con la partecipazione dei due danzatori Claudio Pisa e Chiara Tosti, della compagnia di danza Fabula Saltica, e dei due giovani chitarristi Siegfried Pegoraro ed Enrico Dellamorte, si esibiranno in una performance caratterizzata da una singolare commistione di note e movimenti. Un gioco di continue improvvisazioni, con un programma che accosta Vivaldi alla musica dei nostri giorni, in collaborazione anche con le classi di composizione del Conservatorio Venezze. Francesco Dillon vanta una brillante carriera internazionale come concertista. E’ membro del Quartetto Prometeo con cui ha ottenuto il Leone d’argento alla carriera alla Biennale Musica 2012, e dell’ensemble Alter Ego, con il quale è regolarmente invitato nei maggiori festival di musica contemporanea. Il suo profondo interesse per la contemporaneità lo ha portato a costruire solide collaborazioni con i maggiori compositori del nostro tempo. Un’occasione speciale, quindi, quella di sabato 7 settembre, per ascoltare questo artista nella suggestiva cornice della Fabbrica dello Zucchero. In caso di maltempo il concerto si svolgerà all’interno. L’evento è ad ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili. Ricordiamo che la rassegna è stata resa possibile grazie al contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Fondazione Banca del Monte di Rovigo, Ministero per i beni e le attività culturali, Regione del Veneto, Accademia dei Concordi, Conservatorio di Musica Francesco Venezze di Rovigo, Asolo Musica, Rotary Club Rovigo e con il patrocinio del Comune di Rovigo e della Fondazione per lo sviluppo del Polesine in campo letterario, artistico e musicale.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy