Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

REDDITO DI CITTADINANZA

Lavora in nero ma presenta comunque la domanda

L'irregolarità è stata scoperta grazie alle attività dell’Ispettorato del lavoro di Rovigo e Ferrara

Lavora in nero ma presenta comunque la domanda
ROVIGO - Uno dei timori legati al reddito di cittadinanza era che, tra le domande presentate, ci fossero molti lavoratori in nero. Persone non regolari e non registrate che percepiscono una retribuzione nascosta al fisco che provano ad approfittare del reddito di cittadinanza. A confermare questo timore uno controllo dell'ispettorato del Lavoro di Rovigo. Sarebbe così stata scoperta una lavoratrice grazie alle attività dell’Ispettorato del lavoro di Rovigo e Ferrara, con la sezione polesana chiamata a operare. “Nell’ambito di controlli effettuati presso un ristorante-pizzeria nella serata del 2 agosto - spiega infatti la nota dell’Ispettorato - gli ispettori del lavoro dell'Ispettorato territoriale di Ferrara-Rovigo, sede di Rovigo, hanno individuato tre lavoratori in nero”. Una di queste, però, secondo le contestazioni si sarebbe trovata un una ulteriore condizione di irregolarità. “Tra di essi - conferma infatti la ricostruzione degli uffici - una lavoratrice è risultata aver presentato domanda di accesso al reddito di cittadinanza in data successiva a quella in cui è stato accertato abbia intrapreso l’attività lavorativa in nero, in qualità di cuoca presso la ditta ispezionata. A carico della stessa lavoratrice, si è provveduto a trasmettere notizia di reato alla Procura della Repubblica, per violazione dell’art. 7 comma 1 del D.L. 4/2019, convertito con legge 26/2019”.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy