Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

CENTRO SERVIZI VOLONTARIATO

Associazioni riunite per superare la disabilità: al via i laboratori

I corsi saranno organizzati tra Adria e Rovigo



ROVIGO - Grazie a Csv, Centro servizi volontariato, le associazioni di volontariato dedicate al mondo della disabilità uniscono le forze per proporre nuovi laboratori, in tutto il territorio polesano, per dare una risposta concreta a questa problematica. Non solo laboratori, ma anche censimenti e azioni innovative per migliorare la qualità di vita dei disabili: "Saranno organizzati laboratori inclusivi rivolti a persone disabili - spiega Roberta Paesante, responsabile del progetto -. Vogliamo offrire occasioni di socialità, autonomia e sviluppo delle competenze. Inoltre saranno censiti i servizi e le opportunità a loro rivolte, scambiando esperienze e valorizzando e diffondendo le eccellenze. Infine, sperimenteremo alcune azioni innovative come l'educazione sentimentale e la sessualità, oltre che la realizzazione di campagne di sensibilizzazione sul tema del pregiudizio". Le associazioni promotrici del progetto " Oltre la disabilità" sono Aitsam, Associazione Comete, Down Dadi, associazione Parkinson e Associazione Pianeta Handicap. I laboratori andranno da corsi di cucina ad attività motorie, visite studio ad eccellenze di altri comuni, formazione di volontari e la realizzazione di un concorso con le scuole. Si parte con un ciclo di incontri informativi sulla normativa, le metodologie di intervento e i servizi sulla disabilità, che si svolgeranno in aprile, maggio e giugno in tre diversi comuni polesani. A Porto Viro saranno nelle mattine di sabato 27 aprile, 4 maggio, 18 maggio e 8 giugno alla sala civica ex Macello. A Castelmassa si tengono alle 17.30 dei venerdì 12 aprile, 3 maggio, 24 maggio, 31 maggio, presso la Casa delle Associazioni. A Rovigo, infine, saranno di venerdì alle 21.00 al Csv, in viale Tre Martiri, 67/F: le date previste sono 12 aprile, 3 maggio, 24 maggio, 31 maggio. Sempre in ambito formativo, prenderà il via un ciclo di appuntamenti dedicati all'educazione sentimentale e alla sessualità, rivolti a familiari, insegnanti e volontari. Iniziano anche un corso di tango per persone con ridotta mobilità e un corso di cucina per favorire la maggiore autonomia di persone disabili nelle attività domestiche. La coprogettazione prevede anche una mappatura dei servizi, con la realizzazione di una guida, e un concorso, che partirà in autunno, coinvolgendo scuole e cittadini, per opere sul tema della disabilità e dello stigma. Nonostante l'assenza di dati sistematici, si possono stimare circa 4 milioni di persone con disabilità in Italia. Avere una disabilità può creare barriere all'accesso al mondo del lavoro, ma anche alla socialità e all'accesso ad opportunità culturali o di svago. Inoltre, la presenza di una persona disabile è uno dei fattori di impoverimento per le famiglie. Con questa coprogettazione, il Csv promuove una serie di azioni che mettono in rete le peculiarità di diverse associazioni e si propongono di offire un approccio ad ampio raggio ai problemi individuati, sperimentando anche alcune attività innovative. Complessivamente sono 4 le coprogettazioni avviate dal Csv di Rovigo, con il coinvolgimento di ben 16 associazioni di volontariato del territorio provinciale e una rete di 128 partner. Alla presentazione di stamattina erano presenti Massimiliano Antonioli, presidente del Csv, Roberta Paesante, consigliere del Csv e responsabile della coprogettazione, Eva Grandi, consigliere del Csv, Giorgia Businaro, consulente del Csv, Leda Bonaguro, presidente dell'associazione Pianeta Handicap, Francesco Merlo, in rappresentanza dell'associazione Down Dadi, Ferruccio Donà, presidente dell'Aitsam, e Alessandro Pagliai della cooperativa Attivamente.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy