25/10/2021

IL CASO A OCCHIOBELLO

"Ziosi esce dalla maggioranza? Ma quando c'è mai stato?"

"Ziosi esce dalla maggioranza? Ma quando c'è mai stato?"

13/02/2019 - 12:27

Una fuga degna del miglior Marco Pantani su Ullrich, durante il Tour de France del 1998. La si potrebbe definire così quella a cui abbiamo assistito lunedì 11 febbraio durante il consiglio comunale di Occhiobello, da parte del consigliere Raffaele Ziosi. Sono stato eletto consigliere a Occhiobello 5 anni fa e per tutto questo periodo sono stato seduto sui banchi di maggioranza abbastanza vicino a Raffaele Ziosi. Meglio, sono stato vicino a Raffaele quelle poche volte in cui quest'ultimo si presentava in consiglio. Infatti, al netto dei problemi di salute che purtroppo lo hanno tormentato, lo si è sempre visto molto poco. Ciò è avvenuto anche per le commissioni e per le riunioni di maggioranza, quella maggioranza che ora ha deciso di abbandonare, in verità senza suscitare in me particolare sorpresa. Avevo già avuto a che fare con lui in ambito sportivo, assistendo anche lì alla grande fuga, quando è stato il momento di mettersi in gioco. Quello che però mi ha più stupito è stata la sua motivazione: "Non mi trovo in linea con le decisioni prese dal mio gruppo!". La domanda sorge spontanea: "Come poteva esserne a conoscenza non presentandosi quasi mai? Forse ha degli informatori?". Diciamoci la verità, non ho visto volti cupi o storditi da questa notizia durante la serata, ma piuttosto sguardi di liberazione e soddisfazione. Affermo questo perché Ziosi l'ho sempre visto molto poco legato a questa maggioranza, a partire dalla seduta di insediamento della legislatura in cui ha fatto mancare il suo voto nell'elezione del presidente consiglio comunale, oltre a contestare supposte situazioni di incompatibilità ad alcuni eletti del "suo" gruppo. Addirittura aveva pubblicamente contestato a mezzo stampa l’operato dell’Assessore Fuso in materia di mensa scolastica. La sua posizione di scarsa organicità l'ho constatata anche altre volte in cui si è presentato in consiglio, quando ci si doveva esprimere con il voto segreto, certo, quando il voto è segreto non vi è certezza di individuazione del franco tiratore; ma possibile che ciò avvenisse solo quando lui era presente? Altrettanto l'ho verificato quando si doveva eleggere il consiglio provinciale e al nostro candidato (Davide Diegoli) è mancato un voto nella fascia di grandezza dei comuni cui apparteneva Occhiobello. A parte questi sospetti, mi sono chiesto come mai Ziosi se ne sia uscito proprio ora, a poco di più di tre mesi dalle elezioni, con questa storia che non condivide le scelte future del gruppo. Forse aveva qualcosa contro qualcuno della nostra squadra. Non sarà che fra poco lo vedremo candidato in un altra formazione politica concorrente? Che magari - se vincerà il comune - gli darà quelle soddisfazioni che questo "sua" maggioranza non gli ha riconosciuto? Diciamo che l’opportunità politica la si intravede sotto ogni aspetto, ma chissà, magari ci sbagliamo e non vi era da parte sua, solamente, più la voglia di dover giustificare un’ennesima assenza. E’ vero, non sono le prime dimissioni a cui abbiamo assistito in questi ultimi mesi, ma almeno l’ex assessore Silvia Fuso ha avuto il buon gusto di dimettersi sia dalla sua carica che dal consiglio comunale, anche se questa scelta non la condivido, anzi la condanno sotto tutti i punti di vista. Ma questa è altra storia. Il "nostro" Ziosi, invece esce dalla maggioranza, ma mantiene il suo ruolo, acquisendo di diritto la carica di Lupo Solitario. Ultima considerazione. Per uno strano gioco di circostanze, la fuoriuscita di Ziosi viene comunicata alla stampa proprio lo stesso giorno in cui il comune informa dell'elezione del nuovo comitato dell'asilo nido. Ebbene, nel comunicato del comune, scrutandolo per intero, viene riportata la classifica dei voti riportati dai genitori dei bimbi frequentanti la struttura; in fondo, ma proprio in fondo, c'è un certo Raffaele Ziosi, che ha preso la bellezza di 0 voti. Tutto sommato non male. Spero di non prendere quei voti alle prossime elezioni amministrative onestamente. Che dire. Queste poche parole solamente per esprimere il mio disappunto e il mio rammarico per i non eletti che probabilmente avrebbero avuto più diritto di alcuni di sedersi tra di noi. A breve ci saranno le elezioni e il tempo ci darà le risposte necessarie. Buona fortuna per il tuo futuro amministrativo, Raffaele, spero davvero che questo tuo modus operandi venga riconosciuto positivo da parte di qualcuno, facendo così risultare inutile la costante presenza dei tuoi 16 colleghi che a differenza tua si sono seduti con assiduità attorno al quel tavolo per 5 anni.

Marcello Cauduro consigliere di maggioranza Comune di Occhiobello

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



Notizie più lette