28/10/2021

IL CASO A ROVIGO

"Tutti contro il chiosco. Questo nuovo scatolone invece vi va bene?"

Due pesi e due misure, secondo il Psi, adottate dall'amministrazione: "Ma il regolamento non vietava gli arredi scuri?"

"Tutti contro il chiosco. Questo nuovo scatolone invece vi va bene?"

14/12/2018 - 14:31

ROVIGO - "La città di Rovigo si avvicina alle festività natalizie con due chioschi in centro storico. Uno in stato di abbandono da mesi e l’altro costruito in meno di una settimana. Distano un centinaio di metri uno dall'altro eppure una parte della cittadinanza rodigina si scagliò contro la costruzione 'dell’orribile catafalco di Piazza Merlin' e oggi non apre bocca di fronte alla costruzione di un nuovo e peggiore 'catafalco' in Corso del Popolo". Così il Partito Socialista italiano, federazione polesana, che torna ad accendere i riflettori sulla situazione del chiosco (LEGGI ARTICOLO). "Quello di Piazza Merlin, a detta dei soliti esperti di urbanistica, impedisce la visuale di Porta San Bortolo con a destra un edificio in vetro degli anni sessanta e a destra un locale chiuso da anni. Quello nuovo, realizzato quasi davanti al Conservatorio Venezze, non accende gli animi di quei solerti cittadini che probabilmente non vedono l’ora di ammirare il traffico automobilistico dei migliori modelli di auto sul Corso principale dall'interno dell'erigendo scatolone in ferro e vetro. L’amministrazione comunale, la cui solerzia a singhiozzo oramai è nota a tutti, cosa combina? Leggendo il Regolamento sui dehors emanato dal Comune si legge 'le soluzioni progettuali devono essere di particolare pregio, con ricerca di un rapporto approfondito, sotto il profilo culturale e del gusto, con il contesto edilizio ed urbano in cui saranno collocati. Le scelte devono ricadere su modelli e materiali appropriati al luogo, con particolare attenzione alle scelte   dei   colori.   Negli   ambiti   nei   quali   operano   le   seguenti   prescrizioni   sono   preferiti   colori   pastello chiari'. Non ci sembra che lo scatolone di colore scuro collocato sul Corso del Popolo abbia proprio le caratteristiche imposte da Regolamento. Il Comune ha autorizzato l’intervento ma la Sovrintendenza ai Beni Architettonici, Ambientali e Paesaggistici che parere ha emesso?". "Nulla contro i gestori del Bar Venezze, che hanno tutto il diritto di promuovere la loro attività. Tuttavia mentre per loro, per Natale, si prevedono buoni guadagni, per Zago, che umilmente ringrazia i pochi che si interessano al suo Chiosco chiuso, restano solo le urla di protesta appese alle vetrate e per Piazza Merlin e Piazza Annonaria il buio e il silenzio. Da parte nostra, visto l’omertà degli altri partiti e i tanti cittadini indignati, non smetteremo di stigmatizzare l’atteggiamento cinico e colpevole dell'amministrazione e della sua giunta, anche con iniziative dirette.  La migliore soluzione resta comunque solo una proroga dell’attività in attesa di determinazioni comunali".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette