25/10/2021

LA RIFLESSIONE DI UN COMMERCIANTE

"Negozi aperti tutti insieme, questo serve al commercio in centro"

"Negozi aperti tutti insieme, questo serve al commercio in centro"

11/12/2018 - 12:22

Ho letto il commento del presidente di Confesercenti, Vittorio Ceccato, rivolto ai commercianti del centro (LEGGI ARTICOLO) e mi sento di condividere in pieno il suo monito ad una categoria che sembra non capire l’importanza della strategia commerciale in un momento particolarmente difficile in cui sarebbe necessario più che mai trovare le convergenze ed operare su piattaforme comuni. Per anni ho cercato di trasmettere questa filosofia, coinvolgendo a più riprese i colleghi con l'obiettivo di avviare un sistema di comunicazione comune che avesse di base un piano commerciale fondato su orari comuni, aperture domenicali e festive organizzate e, durante le festività natalizie, anche alcune date con orario continuato. Ogni evento serve per attirare i cittadini in città, offrendo ai commercianti l’opportunità di sfruttare queste occasioni per incrementare le vendite e sviluppare l’attività; tuttavia ogni singolo esercizio è collegato agli altri, le persone frequentano una città oltre che per trascorrere una giornata all'aperto, vedere mostre o iniziative, anche per trovare un'offerta adeguata alle esigenze. Trovare negozi chiusi, non avere la certezza dell’apertura, anche domenicale concordata, magari una sola volta al mese, induce le persone a scegliere altre località per lo shopping. Personalmente ho sperimentato in passato orari differenziati durante le festività, allungando l’apertura fino alle 13 e fino alle 20 nel mese di dicembre, ho effettuato l’orario continuato dall’8 dicembre fino a a natale; ma non ho avuto alcun riscontro, da un lato perché il singolo negozio non riesce ad effettuare una forte ed incisiva comunicazione per via dei costi troppo elevati; dall’altro perché una o poche attività non sono sufficienti per motivare le persone a frequentare un centro che risulta oramai privo di un mix commerciale adeguato rispetto a città vicine o ai centri commerciali ben più organizzati e competitivi. Bisogna cambiare atteggiamento, singoli eventi evidentemente, anche se di qualità, non sono più sufficienti a garantire le presente a Rovigo; serve anche lavorare sulla formazione, e sulle basi di strategia commerciale che riguardano aperture, orario, mix merceologico, parcheggi. Serve una nuova visione condivisa da tutti così da superare definitivamente le frizioni che ancor oggi si respirano in città. Pur condividendo in pieno le parole del presidente Ceccato, devo annotare che proprio le associazioni di categoria dovrebbero rappresentare quel modello di servizio e di formazione capace di condurre i soci ad una consapevolezza e conoscenza del mercato. Se il presidente di Confesercenti critica i negozianti perchè non aprono il loro negozio, è un po' come ammettere il fallimento delle loro strategie di condivisione e di collegamento. Personalmente ho abbandonato Il consorzio operatori del centro storico; abbiamo deciso di chiudere proprio perché con il presidente e i soci fondatori abbiamo verificato l’impossibilità di operare su piattaforme condivise e di formare un gruppo coeso di negozianti pari almeno a 100 unità sul centro storico; in mancanza di questo presupposto, assisteremo ad un lento ma inesorabile declino della città, la cui forza commerciale non ha ancora capito che il singolo non emerge da solo, e che solo un gruppo numeroso può cambiare la tendenza, avviandosi a condividere strategie di marketing territoriale comuni e progetti trasversali. I nuovi distretti del commercio, di cui sento parlare da diverso tempo devono diventare realtà e non essere solo lo strumento per ottenere finanziamenti generici per le associazioni. Il singolo commerciante è dunque coinvolto pienamente nell'andamento cittadino, la crescita e lo sviluppo sono strettamente collegati all'ambiente circostante e le attività dell’intera città sono elementi fondamentali ed imprescindibili per il successo di ciascuno.

Benito Alberto Borella commerciante del centro storico

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



Notizie più lette