25/10/2021

IL CASO PUNTO NASCITE

"Tutti in lotta per Adria, ma a Trecenta chi ci pensa?"

"Tutti in lotta per Adria, ma a Trecenta chi ci pensa?"

21/07/2018 - 22:37

Qualche giorno fa a Roma al Ministero della Sanità si è tenuto l’incontro con il Sottosegretario per chiedere la deroga alla chiusura dei tre Punti Nascite del Veneto e sembra confermato che fra gli Amministratori locali e il Sottosegretario si sia ipotizzata la possibile deroga per le realtà di Adria, Piove di Sacco  e Valdagno, mentre per Trecenta nessuna citazione. Ciò è molto grave perché per l’ospedale San Luca di Trecenta la Regione Veneto aveva già decretato la chiusura del Punto Nascite. La gravità sta nel fatto che mentre si è ipotizzata per le altre tre strutture ospedaliere la possibile deroga alla chiusura, il vicesindaco di Trecenta Matteo Tegazzini presente all’incontro doveva rivendicare anche per Trecenta lo stesso trattamento e invece niente. Di fronte a questa situazione diventa quasi una presa in giro l’affermazione del sindaco Laruccia "Se ce la fanno loro, poi tocca a noi. Il comune altopolesano tornerà a battere i pugni sul tavolo per ottenere il ripristino del proprio reparto nascite, fino all’anno scorso un fiore all’occhiello per l’ospedale San Luca". Diventa, pertanto, indispensabile per non restare fuori dai possibili giochi politico-partitici che il sindaco Laruccia si convinca ad istituire una delegazione consiliare per affrontare in toto le problematiche della sanità polesana.

Gilberto Bianchini Capo Gruppo Lista "Insieme per Trecenta"

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



Notizie più lette