Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

COMUNE LENDINARA

Il post diventa un caso: Facebook in consiglio

Il consigliere comunale Matteo Bronzolo chiede al sindaco di fare chiarezza in merito a due post apparsi sul social

Il post diventa un caso: Facebook in consiglio
LENDINARA - Due domande che saranno esposte nel "question time" del consiglio comunale di Lendinara del prossimo 6 luglio, da parte del consigliere comunale di Forza Italia Matteo Bronzolo. Le domande del consigliere riguardano entrambe una affermazione esposta sul gruppo facebook "Amici di Lendinara news" che, come sottolinea Bronzolo, nella sua descrizione riporta "Questo gruppo facebook, nasce per garantire la libera partecipazione di tutti i cittadini, non solo di Lendinara per condividere e commentare liberamente qualunque notizia, purché non offensiva, spaziando sui molteplici argomenti, problemi d’interessare pubblico e collettivo della vita quotidiana della nostra Città, Lendinara Provincia di Rovigo". Due domande che riguardano due post scritti sulla pagina dall'amministratore del gruppo e ai quali il consigliere chiede al sindaco di far chiarezza. "A tutti i partecipanti del gruppo - spiega Bronzolo - è richiesto il rispetto e l’educazione reciproca, ed un comportamento civile e democratico. L'amministratore (e moderatore) di questo gruppo è il signor Gian Franco Buoso e pur non avendo alcuna valenza giuridica dal punto di vista giornalistico il gruppo intende, come già citato, condividere e commentare liberamente qualunque notizia ma non dà garanzia sulla veridicità delle affermazioni fatte e soprattutto non fornisce alcuna verifica di controllo deontologico, etico e morale. In data 21 maggio abbiamo  votato all'unanimità dei presenti in consiglio comunale la delibera n°22 con oggetto 'Estinzione anticipata mutui con la Cassa Depositi e Prestiti - Anno 2018 - Variazione n.6 al bilancio di previsione 2018-2020 con applicazione di avanzo di amministrazione vincolato'. Il signor Gian Franco Buoso , con il suo post del 30 maggio, riferendosi al sindaco afferma che rinegoziando i mutui, cito testualmente, 'così non saranno solo i nostri figli a dover pagare i debiti ma saranno anche i nostri nipoti, bene benissimo così si fa a risanare l'Italia, Lui dà un aiuto alle banche e non alla povera gente,  ecc..'. Appare chiaro che questo post esprime un concetto (anche se si prende il sindaco come riferimento) che chi ha votato la sopra citata delibera ha indebitato maggiormente i cittadini lendinaresi. E ancora, il signor Gian Franco Buoso , con il suo post del 9 giugno u.s., riferendosi al sindaco afferma "Sto pensando al sindaco, però è proprio bravo si fa i lavori nel passaggio a livello adiacente la sua abitazione, non so ma come si configurano queste agevolazioni'". "Ciò premesso, viste le premesse, si chiede al sindaco di spiegare se quanto affermato dal signor Gian Franco Buoso nel suo post del 30 maggio sia vero oppure no? In tale delibera mi sono espresso favorevolmente (come tutti i miei colleghi) perché ci è stato spiegato che si aveva un beneficio. E' vero o no? Il signor Gian Franco Buoso ha detto una falsità o no?", chiede Matteo Bronzolo. E ancora, nella seconda domanda: "Viste le premesse, si chiede al sindaco di spiegare se quanto affermato dal signor Gian Franco Buoso nel suo post del 9 giugno è vero oppure no? Si sta facendo i lavori vicino a casa sua perché gode di qualche beneficio e/o agevolazione che un cittadino qualunque non ha? Il signor Gian Franco Buoso ha detto una falsità o ha ragione?".
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy