17/01/2022

TRAGEDIA DI FRATTA

La degente muore annegata, si va a processo

Una condanna, lieve, e due rinvii a giudizio

La degente muore annegata, si va a processo

06/06/2018 - 18:59

FRATTA POLESINE - Una condanna a 2 mesi e 20 giorni, subito sospesa con il beneficio della condizionale, per una suora, e due rinvii a giudizio. Questa la decisione presa dal giudice per le udienze preliminari Alessandra Martinelli, del Tribunale di Rovigo, nel caso della paziente dell'opera femminile Don Guanella morta il 10 giugno del 2014, quando si sarebbe allontanata, finendo annegata nello scolo Valdentro, che corre vicino all'immobile. A venire condannata, una suora, sui 70 anni, individuata come datrice di lavoro, mentre sono state rinviate a giudizio due oss della struttura. Venivano chiamate in causa, a vario titolo e con differenti responsabilità ipotizzate, per omicidio colposo. La suora per non avere fatto erigere una recinzione che separasse dal canale, le due oss per non avere vigilato adeguatamente. La difesa della condannata, al termine del processo con rito abbreviato, è intenzionata a proporre appello, mentre i difensori delle due oss rinviate a giudizio contano di fare emergere la propria ricostruzione dei fatti al termine dei dibattimento. Come parti civili erano costituite cinque persone, seguite dagli avvocati Monica Pedriali e Michela Ferrati. In questa fase del procedimento non è stato disposto alcun risarcimento, ma nel corso del dibattimento sarà presente in aula come responsabile civile anche la struttura. I reati, comunque, appaiono destinati a prescriversi.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



Notizie più lette