18/01/2022

LA TRAGEDIA DI FICAROLO

Bimba nasce morta, la lotta della mamma

L'avvocato della famiglie chiede nuovi adempimenti

Bimba nasce morta, la lotta della mamma

06/06/2018 - 22:11

FICAROLO - Non è ancora il momento di fare calare il sipario su quella vicenda. Ci sono ancora interrogatori da fare, persone da sentire, una consulenza medico legale di disporre. Questo, in sostanza, quanto suggerisce l'avvocato Federico Donegatti, del foro di Rovigo, al giudice per le indagini preliminari di Ferrara, nell'ambito del procedimento aperto per la tragedia verificatasi, secondo questa ricostruzione dei fatti, lo scorso 15 gennaio, all'ospedale Sant'Anna di Cona. Quel giorno, una donna di 34 anni, di Ficarolo, partorì una bimba ormai senza vita. Secondo l'impostazione dell'avvocato, questo tristissimo esito si sarebbe potuto evitare, qualora, per esempio, fosse stato disposto un cesareo. La Procura di Ferrara, da parte sua, dopo avere inizialmente iscritto sul registro degli indagati i nomi di quattro medici, ha domandato l'archiviazione. Ma non è ancora il momento, perlomeno secondo il legale della famiglia e secondo la famiglia stessa, ben determinata a portare avanti la sia lotta. Ora, a settembre, ci sarà una udienza camerale, nel corso della quale il giudice ascolterà le parti poi, dopo essersi preso il tempo necessari, valuterà se accogliere la richiesta della Procura, ossia chiudere la vicenda senza esercitare l'azione penale nei confronti degli indagati, o al contrario se disporre nuovi accertamenti, come vorrebbe la famiglia. Secondo la sua ricostruzione dei fatti, la donna si trovava al settimo mese di gravidanza quando il 13 gennaio, si era accorta che la bimba non si muoveva più. Dopo un primo controllo a Legnago, il trasferimento al Sant'Anna dove, nonostante gli accertamenti disposti, non si sarebbe riuscito a evitare il peggio.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette