24/01/2022

COMITATO ARTICOLO 32

"Basta impoverire la nostra sanità"

Parte la mobilitazione

"Basta impoverire la nostra sanità"

05/06/2018 - 11:58

ROVIGO - "Venerdì 1 giugno nella sala della Gran Guardia a Rovigo è iniziato un percorso interessante che riguarda la sanità polesana". Lo ribadisce Vanni Destro, all'esito dell'incontro che aveva proprio lo scopo di fare il punto sulla situazione della sanità in Polesine.
I consiglieri regionali Graziano Azzalin e Patrizia Bartelle in collaborazione con il "Comitato per l'art.32, sanità e sociale"  che, con Vanni Destro, ha coordinato gli interventi, hanno lanciato l'appello a fare fronte comune contro un ulteriore impoverimento della già provata sanità polesana. Alla presenza di un discreto pubblico ( presente il presidente della conferenza dei sindaci dell'Ulss 5  Antonio Bombonato) i consiglieri regionali hanno analizzato alcuni punti del neoapprovato in Giunta regionale piano socio sanitario veneto.
Dalla riduzione dei posti letto negli ospedali di comunità, previsti nell'attuale piano socio sanitario e mai realizzati, al mancato, finora, sviluppo della medicina integrata fino al chiaro implemento della privatizzazione della sanità, molteplici sono stati i punti toccati.
Si sono poi susseguiti gli interventi del vicepresidente dell'Ordine dei medici Emilio Ramazzina, di Davide Benazzo, segretario Fp Cgil, Fabrizio Roveron, segretario Fp Cisl,  di Cristiano Pavarin del Comitato per l'art. 32 e di Antonella Zangirolami, ex direttrice dello Spisal.
Massima è stata la disponibilità a raccogliersi intorno al tema e a collaborare per future iniziative d'informazione e confronto che possano sfociare in una proposta organica al momento in cui, dopo l'estate, si dovranno presentare le schede ospedaliere.
In questo senso il Comitato altopolesano dei cittadini per il San Luca di Trecenta e il Comitato in difesa dell'ospedale di Adria Santa Maria degli angeli che, col Comitato per l'art.32 hanno da qualche tempo hanno dato vita al Coordinamento dei comitati in difesa della sanità polesana, hanno proposto di replicare la serata sia a Trecenta che ad Adria nelle prossime settimane. Alla proposta hanno aderito convintamente Bartelle e Azzalin. E a quei due incontri ne seguiranno altri ovunque sia possibile per sensibilizzare e informare cittadini e istituzioni.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette