24/01/2022

AGRICOLTURA

Cantiere da 2,5 milioni e scacco al cuneo salino

A Porto Tolle un gigantesco invaso

Cantiere da 2,5 milioni e scacco al cuneo salino

31/05/2018 - 20:00

PORTO TOLLE - Il mega cantiere è stato assegnato. Un lavoro che potrebbe avere una importanza epocale per tutto il Bassopolesine, che potrebbe risolvere uno dei problemi storici della zona, ossia il cuneo salino, che si manifesta nei periodi di siccità. Un fenomeno per cui l'acqua del mare, nei periodi in cui la portata del Po è minore, come accade in estate, risale per chilometri il corso del fiume, provocando danni gravissimi all'agricoltura, bruciando letteralmente le coltivazioni trattandosi di acqua salata. Un problema che affonda le proprie radici nelle estrazioni di gas naturale condotte a partire dal dopoguerra e che hanno provocato quell'abbassamento della costa noto come "subsidenza". Per cercare di risolverlo, il Consorzio di Bonifica Delta del Po ha avviato un grandioso progetto, ossia la "bacinizzazione di un'ansa del Po", in modo da costruire un gigantesco invaso, in parte naturale, in parte artificiale, di acqua dolce, in maniera da avere una riserva enorme per i periodi di siccità, alla quale attingere per le esigenze irrigue dell'agricoltura. La zona scelta per questo cantiere è quella di Porto Tolle, in particolare della foce del Po di Pila, dove si trova l'ansa di Volta Vaccari, scelta appunto per il progetto di "bacinizzazione". L'importo complessivo dei lavori è pochi spiccioli meno di 2,5 milioni di euro e l'affidamento dei lavori è avvenuto nelle scorse settimane. Un intervento che, davvero, potrebbe avere una importanza epocale per il Polesine.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette