18/01/2022

ASSEMBLEA ASSOCOSTIERI NAPOLI

Meno carbone, più gas: Adriatic Lng per la logistica green

Contratti a lungo termine e flessibilità: le chiavi del successo del rigassificatore al largo del Polesine

Meno carbone, più gas: Adriatic Lng per la logistica green

29/05/2018 - 15:17

MILANO – Il gas come fonte di energia sostenibile e risorsa chiave per favorire la transizione energetica; lo sviluppo delle infrastrutture gas in Italia e la necessità di rendere il mercato più competitivo: sono questi i temi presentati da Adriatic Lng durante il workshop “La logistica energetica punta sul green” appuntamento organizzato da Assocostieri a Napoli in occasione dell'assemblea annuale dell'associazione. Opportunità di confronto fra i rappresentanti delle istituzioni di riferimento e delle imprese associate, il workshop si è concentrato su alcune tematiche cruciali per lo sviluppo della logistica energetica, analizzando obblighi normativi e scelte strategiche sostenibili. Corrado Papa, direttore commerciale di Adriatic Lng intervenendo sul tema “Lo sviluppo delle infrastrutture per il gnl in Italia”, ha illustrato la situazione degli impianti di rigassificazione in Italia ed Europa che, a differenza di Adriatic Lng, dove il tasso di utilizzo continua ad essere molto elevato - pari all’82,5% nel 2017 - sono caratterizzati da uno scarso utilizzo - tasso medio pari a circa il 22% (fonte GLE) nello stesso periodo - evidenziando una situazione che necessita una maggiore competitività per attrarre gnl. “Attualmente in Europa le infrastrutture che hanno i più alti tassi di utilizzo sono essenzialmente quelle che dispongono di capacità esentata dal regime di accesso dei terzi e si basano su contratti a lungo termine - ha commentato Corrado Papa - È il caso di Adriatic Lng, la cui capacità esentata, pari all’80% della capacità totale, è allocata a un importante player dell’energia. Grazie a questo modello di business integrato, basato su contratti a lungo termine e investimenti sia nel terminale che nell’upstream, il terminale Adriatic Lng presenta eccellenti risultati, riuscendo a importare circa il 10% del fabbisogno italiano e aumentando la sicurezza del sistema attraverso una diversificazione delle fonti di approvvigionamento”. Fondamentale per la promozione di una maggiore competitività delle infrastrutture gnl, è che le aziende offrano strumenti di flessibilità in grado di favorire un utilizzo ottimizzato dei rigassificatori. “In un mercato in costante evoluzione come quello del gnl è fondamentale rinnovarsi continuamente, adeguando la propria offerta alle esigenze del cliente. I servizi di Peak Shaving, di flessibilità e di stoccaggio temporaneo che Adriatic Lng ha implementato in questi ultimi anni, hanno dimostrato di contribuire fattivamente alla sicurezza e al bilanciamento del mercato del gas” ha aggiunto Papa. Il gas naturale - che tra le fonti fossili è quella a minor impatto ambientale - rivestirà un ruolo primario nel processo di decarbonizzazione. La Strategia energetica nazionale (Sen) adottata dai Ministeri dello Sviluppo economico e dell’Ambiente alla fine del 2017 considera il gas una risorsa chiave nella sicurezza energetica del nostro Paese e promuove l’incremento dell’uso del gas naturale liquefatto. Il terminale Adriatic Lng, in quanto fonte di approvvigionamento di questa risorsa, riveste pertanto un ruolo fondamentale nello scenario energetico sia nazionale che europeo. Entrato in esercizio nella seconda metà del 2009, il terminale di rigassificazione Adriatic Lng assicura all’Italia il 10% dei consumi nazionali di gas. Infrastruttura strategica per il Paese per il suo contributo alla diversificazione dell’approvvigionamento energetico, Adriatic Lng ad oggi ha contribuito a soddisfare i consumi nazionali di gas naturale immettendo nella rete nazionale gasdotti oltre 49 miliardi di metri cubi di gas (pari ad oltre la metà del consumo nazionale del 2017) proveniente via nave da 7 Paesi (Qatar, Egitto, Trinidad&Tobago, Guinea Equatoriale, Norvegia, Nigeria e Stati Uniti). Adriatic Lng è co-controllata da Emigas (affiliata del gruppo ExxonMobil) e Qatar Terminal Limited (affiliata del gruppo Qatar Petroleum) e partecipata da Snam.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette