18/01/2022

ELEZIONI COMUNALI 2018 PORTO TOLLE

Imu della centrale Enel, Pizzoli: “Bellan non ha alcun merito”

Duro attacco del candidato sindaco di #Sicambia al sindaco uscente. Sotto esame: pesca, casa di risposo e calo demografico

Imu della centrale Enel, Pizzoli: “Bellan non ha alcun merito”

28/05/2018 - 14:29

PORTO TOLLE – E' un attacco dai toni duri, come la campagna elettorale prevede, quello che il candidato sindaco Roberto Pizzoli, della lista #Sicambia, sferra nei confronti del sindaco uscente e candidato per il secondo mandato Claudio Bellan. Il “casus belli”, questa volta, sono le istanze che Enel produzione si è visto respingere dalla Commissione tributaria provinciale per la sospensione dei pagamenti per Imu 2015 e sanzioni, pari a un importo complessivo di oltre 8 milioni di euro per la centrale di Polesine Camerini (LEGGI ARTICOLO). Una vittoria sulla quale il sindaco Bellan ha messo il proprio cappello ed è proprio questo che fa infuriare Pizzoli. “Appare evidente – esordisce il candidato di #Sicambia - che si cercano medaglie da mettere sul petto in ogni occasione, così è giusto sottolineare alcuni aspetti. La nuova sentenza della Commissione tributaria provinciale di Rovigo si muove sul solco di quelle precedenti che hanno sempre dato ragione all’amministrazione comunale. Con la premessa che il tribunale giudiziario ha respinto la sospensiva richiesta da Enel ma non ha formulato la sentenza definitiva in secondo grado”. Ed è qui che Pizzoli sferra il primo colpo: “Nulla di nuovo sotto il sole e soprattutto nessun merito al sindaco Bellan al quale probabilmente piace millantare meriti altrui”. E quindi spiega: “La questione Ici/Imu risale al 1998 con l’allora sindaco Diego Precisvalle, è passata per l’amministrazione Paola Broggio e poi per l’amministrazione Silvano Finotti con due legislature, ed in questo lungo periodo, anche due gestioni commissariali. Se merito ci deve essere, questo va riconosciuto a quei sindaci e a quelle amministrazioni che con grande coraggio in passato hanno difeso gli interessi del Comune. Ci mancherebbe che non avesse proseguito il lavoro iniziato da altri”. Il candidato sindaco va giù duro e non si ferma alla questione Imu. L'affondo politico, infatti, arriva per i 5 anni complessivi di amministrazione Bellan: “Pensi Bellan a cosa ha fatto in 5 anni per l’economia a Porto Tolle, pesca su tutto, con la convenzione per i diritti di pesca in scadenza e il regolamento non ancora approvato. E pensare che è anche consigliere provinciale alla pesca. Pensi Bellan ai 700mila euro euro persi dalla Regione del Veneto per la casa di riposo, con terreno acquistato dalla Finotti 1 e 42 posti letto accreditati dalla Finotti 2. Pensi Bellan al fatto che ha speso 27 milioni di euro in opere pubbliche come avrebbe fatto chiunque, ma Porto Tolle è peggio di 5 anni fa, con un calo demografico vertiginoso e tante famiglie che emigrano”. A questo punto Pizzoli conclude: “Il bilancio dell'operato passa attraverso le scelte che un amministrazione compie nei cinque anni di mandato e su questi viene giudicata”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette