17/01/2022

CASA DI RIPOSO ADRIA

"Csa, la guida deve cambiare"

Lo dice Sandro Gino Spinello

"Csa, la guida deve cambiare"

27/05/2018 - 10:00

ADRIA - "Deve terminare prima possibile l’attuale gestione del Centro Servizi Anziani, già oggi  decapitato per le dimissioni di due consiglieri su cinque". Lo dice Sandro Gino Spinello, capogruppo uscente del Partito democratico di Adria. "La vicenda della Casa di Riposo - prosegue - è uno degli esempi più eclatanti, assieme al caso dell’Area industriale attrezzata e non solo, del fallimento del centrodestra in questi nove anni di governo della Città". "Per ben tre volte  hanno  promesso la posa della prima pietra  per  una nuova struttura e poi  sistematicamente  hanno  abbandonato tutto. Non sono riusciti  a metterne  in sicurezza i locali, hanno perso ingenti  finanziamenti, hanno inventato il progetto 'farlocco' delle Case Rosse. Hanno ridotto la qualità dei servizi erogati.  Hanno diminuito il personale e   umiliato le migliori professionalità   con una riorganizzazione molto discutibile". "In questi mesi con coraggio e determinazione  i dipendenti e i famigliari degli ospiti  hanno fatto emergere le criticità esistenti sensibilizzando l’opinione pubblica e coinvolgendo il consiglio comunale. La Regione e lo stesso Assessore Regionale Manuela Lanzarin hanno  tollerato una situazione che , invece, doveva essere  affrontata e risolta da tempo. Respingiamo ogni tipo di strumentalità,  le convulsioni  elettorali di questi giorni non ci interessano". "Nella Casa di Riposo la situazione resta difficile e grave che dovrebbe essere affrontata con autorevolezza, competenza e tempestività. Purtroppo anche  le ultime  scelte tecnico-gestionali   ne hanno ulteriormente aggravato la condizione. Il Centro Servizi Anziani è un’istituzione e un servizio troppo importante per la Città e non può essere degradato a misero  gioco delle parti in questa campagna elettorale". "Esprimiamo vicinanza e solidarietà ai lavoratori del Csa che in queste ore stanno subendo un subdolo tentativo che li vorrebbe coinvolti in responsabilità non loro, ma  che  sappiamo  appartenere   esclusivamente alla direzione politica e tecnica dell’Ente e a chi ha dato coperture  a livello superiore".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette