18/01/2022

CORBOLA

Niente barricate sui polli. Ma richieste di confronto

Confronto sulla proposta di insediamento

Niente barricate sui polli. Ma richieste di confronto

24/05/2018 - 07:11

CORBOLA - E' stato un incontro nel quale, pur presenti voci contrarie, ha prevalso la richiesta di confronto, di chiarimenti, di arrivare eventualmente a una soluzione condivisa. Tanto che la consigliera regionale Patrizia Bartelle ha parlato della possibile nascita di un nuovo modello, una specie di laboratorio nel quale l'assetto finale di una impresa nasca, appunto, da un faccia a faccia tra proponente e comunità locale. E' l'impressione che si trae dalla presentazione, avvenuta nella mattinata di mercoledì 23 maggio, alla biblioteca comunale di Corbola, di insediare un allevamento avicolo da 345mila polli a ciclo (LEGGI ARTICOLO). L'incontro aveva lo scopo primario di fare chiarezza su quelli che, allo stato, sono i connotati essenziali del progetto, anche in relazione alla possibilità di presentare osservazioni in Provincia, dove è attualmente in corso la procedura di Via, ossia di Valutazione di impatto ambientale, con la possibilità, per i cittadini, di presentare osservazioni sino al 2 luglio. Ossia, di mettere le proprie perplessità nero su bianco, evidenziando problematiche del progetto, la cui documentazione è a disposizione, sottolineando proprie necessità. Il punto scelto per l'insediamento del nuovo allevamento si trova tra le località Spin e Basson, a quasi tre chilometri dal confine con la periferia di Corbola. Si tratta di un complesso già adibito a stalla. Non dovrebbero quindi esserci, è stato detto, problemi legati alla vicinanza con il paese. Perplessità sono state invece sollevate per quanto riguarda soprattutto quello che potrebbe essere l'impatto sul traffico, legato alla necessità di approvvigionamento e trasporto da e verso l'allevamento. In questo senso, sono state chieste garanzie all'azienda proponente. Il sindaco Michele Domeneghetti si è fatto portavoce delle istanze del paese, proponendo anche di agevolare il deposito in Provincia determinate osservazioni e istanze che provengano dalla sua comunità. Come detto, comunque, la porta non appare chiusa e la sensazione è che, nel caso di un confronto fattivo, l'insediamento sia tutt'altro che irrealizzabile. Patrizia Bartelle ha, però, anche una precisazione importante da fare, riguardante la pubblicazione della documentazione sul sito della Provincia, sul quale dovrebbe essere possibile consultare tutte le carte relative all'importante progetto. In realtà, pare che questa facoltà sia piuttosto limitata, al momento. "La Provincia di Rovigo - afferma Bartelle - non ha pubblicato tutta la documentazione del progetto riguardante l’allevamento avicolo previsto a Corbola, come previsto dalla legge vigente. La limitata pubblicazione della documentazione sul sito della provincia ha di fatto impedito ai cittadini di poterla consultare  e di poter  avere una panoramica generale  del progetto, per questo chiedo al sindaco di seguire i rapporti con la provincia per la ripubblicazione completa del progetto per permettere ai cittadini di consultare i documenti e  di poter fare le opportune domande in occasione del prossimo incontro pubblico previsto il 6 giugno alle ore 21, nei locali della biblioteca comunale. Nel contempo chiedo la riapertura dei termini per la presentazione delle osservazioni da fare  in Provincia”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette