27/01/2022

ELEZIONI ADRIA

"Faremo arrivare la Transpolesana al mare"

E poi sgravi fiscali, incentivi e una "Adriacard"

"Faremo arrivare la Transpolesana al mare"

24/05/2018 - 15:40

ADRIA - Uscire da uno storico oltre che cronico isolamento per favorire l’insediamento di nuove attività produttive. Guarda al rilancio il programma di Emanuela Beltrame: il candidato sindaco di Lega e Forza Italia pensa a una politica di incentivi e sgravi fiscali ad hoc per rendere nuovamente attrattive aree artigianali e industriali esistenti. Interventi mirati che puntano su un rinnovato appeal della città etrusca e che si sposeranno con un “impegno istituzionale per riprendere il discorso sulle infrastrutture, impegnandosi e spendendosi in prima battuta per il prolungamento della Transpolesana fino all’innesto in Romea e per lo sviluppo idroviario con il progetto comunitario Iniwas che intende potenziare la rete eliminando i cosiddetti ‘colli di bottiglia’ adeguandola agli standard europei di navigazione”. E ancora: rilancio delle attività commerciali nei tanti locali sfitti di centro e frazioni con la realizzazione del distretto della Cultura e del Commercio di Adria, già approvato dalla Regione, “attraverso l’applicazione di sgravi fiscali su tasse comunali e la riduzione della tassa di occupazione del suolo pubblico per i locali che riqualifichino i propri ambienti”. Anche l’artigianato locale, le arti e i mestieri entrano nell’agenda politica del candidato che ritiene fondamentale in proposito “pensare a forme di snellimento burocratico per riappropriarsi di queste peculiarità che possono diventare volàno e occasioni per lavoro e turismo”. “Fonte di vita e di ricchezza umana”: così la Beltrame poi parlando dell’agricoltura, patrimonio territoriale che deve passare necessariamente per un’azione di valorizzazione dei prodotti locali con la promozione di fiere e mercati. Al riguardo, il candidato cita il biologico, da incentivare anche e soprattutto in riferimento alle giovani generazioni coinvolgendo se necessario il modo della scuola. Una città diversa insomma, capace di ritrovare l’orgoglio perduto di un tempo “guardando magari alla Città Metropolitana di Venezia come futura linea di sviluppo in un contesto di più stretti rapporti con il Delta”. Da ultimo la proposta di creazione di una Adriacard, “che permetta acquisti agevolati nei negozi e nelle attività convenzionate, in base ad accordi con le associazioni di categoria presenti nel territorio e sotto la supervisione dell’amministrazione”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette