17/01/2022

RIQUALIFICAZIONE EX OSPEDALE MADDALENA

"Finanziamento a rischio: cerchiamo almeno di salvare il salvabile"

Diego Crivellari interviene sulla vicenda: "Noi avevamo proposto un'altra area, ma almeno potevano presentare un progetto serio"

"Finanziamento a rischio: cerchiamo almeno di salvare il salvabile"

19/05/2018 - 11:15

ROVIGO - "Grave, gravissino sarebbe se si perdesse un contributo così importante per la riqualificazione della nostra città. Ennesima prova, si direbbe, dell'avventurismo di questa amministrazione. Io spero che ci siano i margini per salvare il salvabile, ma i paletti previsti dal Bando periferie erano noti fin dal principio e si sapeva che la firma della convezione con Palazzo Chigi rappresentava soltanto l'inizio di un percorso sottoposto a verifiche stringenti, fatto doveroso trattandosi di finanziamenti statali destinati, appunto, a progetti di riqualificazione urbanistica". Sulla vicenda della riqualificazione dell'ex ospedale Maddalena interviene l'onorevole Diego Crivellari che a suo tempo si era fortemente impegnato per aiutare Rovigo ad ottenere il finanziamento del ministero. Ma ora, con il progetto a fortissimo rischio visto lo stallo dell'accordo con i privati proprietari dell'immobile (LEGGI ARTICOLO) e il serio rischio di perdere il finanziamento, Crivellari torna a batter chiodo sul fatto che, a suo parere, si sarebbe dovuto intervenire su un'altra area della città. O, per lo meno, presentare un progetto fattibile. "Poi, per carità, noi facciamo il tifo per la nostra città e speriamo si possano raddrizzare almeno parzialmente le cose - continua Crivellari - Ci tocca però ricordare che quando l'amministrazione Bergamin manifestò per la prima volta l'intenzione di partecipare al bando provammo anche insieme all'amico consigliere Andrea Borgato a consigliare la giunta, invitandola a valutare altre opzioni e a considerare, per esempio, un progetto già sottoposto all'attenzione delle giunte Merchiori e Piva come quello relativo alla riqualificazione dell'area prospiciente la stazione ferroviaria. Rientrava naturalmente tra le prerogative della giunta scegliere altre strade da battere, ma con la certezza di corrispondere ad un interesse pubblico e di portare a Roma un progetto serio, magari utilmente definito nelle linee fondamentali e nelle sue compatibilità con quanto richiesto dal bando".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette