17/01/2022

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2018 ADRIA

Suman contro l'abbandono degli animali: ecco le proposte a 5 stelle

Una parte del programma elettorale è dedicata a prevenire il tremendo fenomeno

Suman contro l'abbandono degli animali: ecco le proposte a 5 stelle

17/05/2018 - 16:11

ADRIA – Campagna elettorale, non solo per le persone ma anche per gli animali. Agli amici a quattro zampe e contro il loro abbandono, piaga dell'inciviltà che si manifesta soprattutto d'estate, ci pensa il programma del Movimento 5 stelle adriese e la candidata sindaco Elena Suman. “Come tutti gli anni, in questo periodo, cani e gatti di proprietari senza scrupoli rischiano di finire ai bordi di una strada, lasciati da soli ad affrontare i pericoli in un mondo che non gli appartiene. Per loro, se riescono a sopravvivere agli stenti o alla strada, si aprono le porte del canile o gattile, dove forse rimarranno per l’intera loro vita. Il M5s ha nei suoi progetti del Comune di Adria una campagna di sensibilizzazione e di informazione sul randagismo e sull’abbandono degli animali d’affezione, partendo dalle scuole, con l’aiuto essenziale del corpo docente, della Polizia municipale e delle associazioni di volontariato presenti sul territorio di Adria e nei comuni limitrofi”. Oipa Rovigo, Lega del cane di Rovigo, che gestisce il Rifugio Cipa di Fenil del Turco, associazione Una di Rovigo che si occupa in modo principale di gatti, Città degli angeli rifugio per animali in località Grignella, sono solo alcune delle associazioni attive in provincia o in zone limitrofe. “Tutte queste onlus – prosegue Suman - operano grazie a contributi privati o tramite la destinazione del 5 per mille in dichiarazione dei redditi. Alle associazioni animaliste, e alla grande valenza sociale della loro azione, si deve il fatto che gli animali abbandonati, oppure di proprietari che non possono più occuparsene, trovino un posto sicuro, dove vengono curati e rifocillati in attesa di adozione vera e propria o di adozione a distanza. Il M5s si prefigge di fare incontrare il mondo del volontariato con l’ente locale, affinché si possano gettare le basi per una intensa attività non solo di prevenzione del randagismo, attraverso l’incentivazione del microchip da applicare ai nostri amici a 4 zampe, e una seria politica di sterilizzazione, ma anche di un puntuale controllo successivo del rispetto delle normative vigenti in tema di anagrafe canina e di maltrattamenti agli animali d’affezione”. La candidata sindaco ricorda infine che “in tema invece di sicurezza stradale, la delibera della Corte dei Conti del Lazio n. 142/2011 richiama i Comuni ad utilizzare gli introiti derivanti dalle multe stradali per fini di pubblica utilità. Pertanto contenere la circolazione di cani randagi o smarriti può senz’altro rispondere a questo fine”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



Notizie più lette