17/01/2022

TRIBUNALE ROVIGO

"Progettavano l'assalto all'alba coi Kalashnikov"

Il progetto fallì, chieste le condanne per un altro colpo

"Progettavano l'assalto all'alba coi Kalashnikov"

17/05/2018 - 15:25

ROVIGO - Sarebbero arrivati all'alba. Un gruppo di fuoco di 12 elementi, determinati, armati di Kalashnikov, disposti anche allo scontro a fuoco. Il loro bersaglio era la centrale di comando di un grosso gruppo di sicurezza privata di Rovigo, che rifornisce bancomat di contanti. Sarebbero arrivati quando i veicoli portavalori erano carichi, per massimizzare il bottino. Una situazione ad alto rischio che non si concretizzò mai. Perché i carabinieri del Nucleo investigativo erano già sulle tracce di quella banda. Uno dei suoi elementi, infatti, bonificando le auto impiegate, si accorse della presenza di cimici e Gps. E il progetto saltò. E' una delle ricostruzioni che entrano nella requisitoria pronunciata nella mattinata di giovedì 17 maggio da parte del pubblico ministero Sabrina Duò, in un processo collegato alla banda italo - sarda - piemontese al centro degli accertamenti e che ha dato da lavorare, oltre che ai carabinieri polesani, anche a quelli del Piemonte. Gli imputati nel processo di Rovigo sono comunque chiamati a rispondere di quanto sarebbe avvenuto, secondo questa ricostruzione dei fatti, il 10 settembre del 2013, quando venne svuotato lo sportello bancomat della Cariveneto vicino alla Coop di Santa Maria Maddalena. Un bottino raccolto senza colpo ferire, secondo le accuse grazie alla conoscenza del codice segreto e al possesso di duplicati perfetti delle chiavi di sicurezza che vengono impiegate in queste occasioni. Il bottino fu di 105mila euro. Cinque le persone che si trovano a giudizio per quell'episodio, con una che, pur non avendo preso parte al colpo, risponderebbe comunque di associazione per delinquere, ipotesi di reato contestata, nel complesso, a cinque dei sei imputati. Nella mattinata di giovedì 17 maggio l'accusa ha chiesto, per loro, pene comprese tra l'anno e mezzo e i 6 anni. La sentenza sarà letta alla prossima udienza, una volta conclusa la discussione.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



Notizie più lette