24/01/2022

SERVIZI E SANITA'

"Dobbiamo lottare per la nostra sanità"

L'appello di Omar Barbierato

"Dobbiamo lottare per la nostra sanità"

17/05/2018 - 06:55

ADRIA - "E’ dal 2012 purtroppo che anticipo le difficoltà che avremmo incontrato nel mantenere i servizi sociosanitari dell’ospedale e del territorio". Omar Barbierato commenta in questa maniera le perplessità espresse dal sindacato Cgil sul prossimo Piano sosciosanitario che, secondo questa analisi, potrebbe essere foriero di ulteriori tagli: non solo l'ospedale di Rovigo potrebbe diventare una struttura di secondo piano, ma tutto il Polesine andrebbe a subire un pesante declassamento (LEGGI ARTICOLO). "Il comunicato fatto da Cgil - prosegue infatti Barbierato - sul prossimo Piano socio sanitario, se confermato, dimostra l’importanza che la Lega dò al nostro territorio. Chissà cosa dirà la coalizione della Beltrame sulla questione che interessa i nostri cittadini, spesso anziani che vivono da soli con mille difficoltà di muoversi in assenza di mezzi pubblici e delle infrastrutture del Polesine. Dal 2012 chiediamo di fare un ragionamento sull’organizzazione dei Servizi a livello provinciale, cercando di eliminare i costosi doppioni tra privato e pubblico a favore delle tre strutture pubbliche senza aspettare la scure regionale". "Dobbiamo unire le nostre voci del territorio e insieme a quelle di Belluno far pesare il nostro diritto alla Salute sancito dall’art 32 della Costituzione e la specificità del Territorio sancito dall’art 15 dello Statuto del Veneto. Come sindaco porterò avanti il Tavolo di concertazione sulla salute e sanità che è il luogo di confronto e di collaborazione tra Comune, associazioni, comitati, tecnici/professionisti, gruppi di persone e singoli cittadini (pazienti, ospiti, assistiti, familiari, operatori dei servizi sanitari, studiosi esperti, e qualsiasi altra persona interessata) il cui obiettivo è di costituire una rete di collegamento e di dare rappresentanza collettiva alle associazioni che operano nel campo della tutela della salute, riconoscere e incentivare la più ampia e reale partecipazione delle persone intorno ai temi della salute, essere osservatorio e promotore del valore della salute come Bene Comune dei cittadini". "Il Tavolo di Concertazione sulla salute e sanità intende essere il luogo di promozione delle azioni di difesa e di rilancio dei servizi sanitari, socio sanitari e connessi alla salute pubblica presenti sul territorio. Esprime pareri e considerazioni su piani, programmi, regolamenti inerenti le problematiche della salute e ogni altro parere che fosse richiesto dall’amministrazione comunale, facilita la comunicazione tra le agenzie che a vario titolo si occupano delle problematiche della salute, propone soluzioni al comune e al comitato dei Sindaci. In esso si esamina inoltre l’evolversi delle condizioni di vita delle persone con patologie fisiche o disagio mentale e delle loro famiglie, della loro situazione sociale ed economica, e delle esigenze della popolazione portatrice di sofferenze e disagi e si monitora il rispetto dell'erogazione dei livelli essenziali dell'assistenza - sociale e sanitaria". "Il tavolo infine, dupporta le azioni di collegamento in rete tra agenzie sanitarie, agenzie sociali, mondo del lavoro, mondo della scuola per la lotta allo stigma, per la prevenzione del disagio psicologico, per l’inclusione lavorativa non assistenziale dei sofferenti psichici e monitora il grado di soddisfacimento degli utenti per il funzionamento dei servizi integrati e per il grado di coinvolgimento attivo negli interventi che li riguardano; propone prassi alternative che vedano i cittadini protagonisti della lotta per l’ottenimento dei loro diritti".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette