26/01/2022

COMUNE OCCHIOBELLO

I disagi inizieranno il 28. Ma ecco i nuovi treni

Per l'insediamento del cantiere

I disagi inizieranno il 28. Ma ecco i nuovi treni

15/05/2018 - 13:53

OCCHIOBELLO - Il punto della situazione sullo stato dei lavori al ponte sarà comunicato durante il consiglio comunale di mercoledì 16 maggio, a partire dalle 19 in sala consiliare. L’assessore ai Lavori pubblici Davide Valentini aggiornerà sui contatti e i risultati che l’amministrazione ha ottenuto nel corso delle ultime settimane. L’incontro al ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, infatti, ha avuto come esito una condivisione della spesa affinché i cittadini non paghino l’autostrada nel tratto Occhiobello - Ferrara Nord (LEGGI ARTICOLO).

"I 150mila euro - spiega la nota stampa del Comune - che andranno corrisposti alla società Autostrade, saranno coperti per il 50% dal ministero e per il 50% dagli enti locali. Nei prossimi giorni, la giunta approverà la convenzione con Autostrade perché vengano attivati in Comune i ‘telepass point’ a cui i cittadini potranno rivolgersi per ritirare il telepass".

"In consiglio comunale, inoltre, l’assessore Valentini illustrerà gli accordi presi per lo spostamento dei lavori all’11 giugno, l’inizio della preparazione del cantiere dal 28 maggio che comporterà rallentamenti alla circolazione a causa del senso unico alternato nella fascia oraria 9-17. Valentini chiarirà anche le trattative in corso per avviare il trasporto tramite un traghetto tra le due sponde".

"Tra gli altri punti all’ordine del giorni in consiglio, piano triennale di razionalizzazione dell’utilizzo delle dotazioni strumentali delle autovetture e degli immobili a uso abitativo e di servizio, approvazione regolamento sulla trasparenza, approvazione rendiconto della gestione esercizio finanziario 2017".

Sulla questione interviene anche la Regione del Veneto, con un annuncio importante, relativo al potenziamento del servizio ferroviario. “Dopo il proficuo incontro del 10 maggio scorso, da noi richiesto e tenutosi presso il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti – spiega l’assessore regionale veneto alle infrastrutture e trasporti – a seguito del quale abbiamo ottenuto, insieme agli Enti locali, il transito gratuito per i residenti lungo la A13 nel tratto compreso tra i caselli di Occhiobello e Ferrara Nord per tutto il periodo di chiusura del ponte, abbiamo nuovamente interpellato Rfi e Trenitalia per  verificare la possibilità di potenziare il servizio ferroviario locale fra le stazioni di Occhiobello e Ferrara. E anche in questo caso il risultato è stato positivo”.

Oltre agli ordinari collegamenti con i treni regionali, nei periodi compresi fra il 17 giugno (prima data utile dopo il cambio orario del 10 giugno) e il 10 luglio e tra il 9 settembre e l’11 ottobre (data in cui si prevede la completa riapertura del ponte),  fermeranno a Occhiobello anche quattro coppie di treni regionali veloci che consentiranno una più agevole connessione ai molti pendolari che quotidianamente si muovono fra l’area rivierasca del Polesine e Ferrara. Questo non sarà possibile, invece, nel periodo fra l’11 luglio e l’8 settembre, perché Rfi ha in programma in quelle settimane importanti lavori sulla linea Bologna-Venezia, in corrispondenza della galleria fra Monselice e Terme Euganee, che rendono tecnicamente incompatibile la fermata a Occhiobello.   Questo il dettaglio dei nuovi  collegamenti:
  • RV 2973 (ex 2227): Venezia S.L. 7.42 – Bologna 9.46 (invece che 9.42); ferma a Occhiobello alle 9.04;
  • RV 2975 (ex 2231): Venezia S.L. 10.42 – Bologna C.le 12.44 (invece che 12.40); ferma a Occhiobello alle 12.04;
  • RV 2977 (ex 2233): Venezia S.L. 11.42 – Bologna C.le 13.44 (invece che 13.40); ferma a Occhiobello alle 13.04;
  • RV 2979 (ex 2241): Venezia S.L. 15.52 – Bologna C.le 17.44 (invece che 17.40); ferma a Occhiobello alle 17.04;
  • RV 2974 (ex 2224): Bologna C.le 07.16 (invece che 07.20) – Venezia S.L. 9.18; ferma a Occhiobello alle 7.53;
  • RV 2976 (ex 2228): Bologna C.le 09.16 (invece che 09.20) – Venezia S.L. 11.18; ferma a Occhiobello alle 9.52;
  • RV 2978 (ex 2234): Bologna C.le 13.16 (invece che 13.20) - Venezia S.L. 15.18; ferma a Occhiobello alle 13.53;
  • RV 2980 (ex 2238): Bologna C.le 15.16 (invece che 15.20) - Venezia S.L. 17.18; ferma a Occhiobello alle 15.53.
  “La Regione Veneto sta facendo tutto il possibile per aiutare le comunità locali nel periodo di chiusura del ponte sul Po – sottolinea l’assessore al territorio della Regione del Veneto – ben sapendo che Anas deve procedere con i lavori necessari di manutenzione straordinaria. Anche il potenziamento del servizio ferroviario regionale gestito dalla Regione Veneto con il contratto con Trenitalia va in questa direzione e offre un servizio integrativo importante per i collegamenti interregionali”. Grande, e comprensibile, la gioia del Comune alla notizia dell'importante pass compiuto da Trenitalia. "Esprimiamo soddisfazione per l'esito positivo del confronto tra la Regione del Veneto (titolare del contratto di servizio) con Trenitalia - spiega infatti la nota stampa del Comune - che si è sviluppato a seguito di uno specifico incontro che abbiamo avuto venerdì scorso a Verona, al quale ha partecipato anche la Regione Emilia Romagna". "La previsione di aggiungere 4 coppie di treni alle 5 che già fanno sosta nella stazione di Santa Maria Maddalena, consente di adeguare il servizio che verrà offerto ai nostri cittadini a partire dal 17 giugno (prima data utile dopo il cambio orario del 10 giugno). Nonostante il fatto che il servizio sarà obbligatoriamente sospeso dall'11 luglio all'8 settembre (per l'effettuazione di lavori a una galleria sui colli Euganei, che ridurrà l'utilizzo a un solo binario), si tratta comunque di una risposta importante nel periodo denso di maggiori traffici".

"Le amministrazioni comunali ringraziano gli assessori Elisa De Berti e Cristiano Corazzari (Veneto) e Raffaele Donini (Emilia Romagna) per la considerazione che hanno dato ai territori. Dopo l'ottenimento della riduzione dei tempi del cantiere, la concessione dei passaggi gratuiti in autostrada, la realizzazione di fermate aggiuntive, ora il lavoro delle due amministrazioni (e delle relative Province) continuerà a concentrarsi sull’individuazione delle corse del trasporto pubblico locale e sull’istituzione di un servizio di traghetto tra le sponde del PoNei prossimi giorni ci saranno ulteriori approfondimenti nel merito di cui informeremo i cittadini, soprattutto per quanto riguarda l’apertura dei telepass point, bus e battello".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette