17/01/2022

LA CERIMONIA

In onore di chi ha dato la vita

In questura a Rovigo

15/05/2018 - 11:08



ROVIGO - Un mattinata intensa, carica di commozione, dolore, ma anche orgoglio, quella vissuta in questura a Rovigo, dove le massime autorità cittadine hanno reso onore a tutti coloro che hanno donato la vita per gli ideali in cui credevano, per quello spirito di "servizio", inteso nella sua accezione più alta, che caratterizza la polizia di Stato, le forze dell'ordine, tanti magistrati, ma anche cittadini, giornalisti, politici che hanno avuto il coraggio e la coerenza di portare le proprie convinzioni sino alle estreme conseguenze. La memoria è andata all'ispettore rodigino Samuele Donatoni, morto nel corso di un blitz per liberare l'imprenditore Giuseppe Soffiantini, sequestrato, agli immortali magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, a Peppino Impastato, ma anche a tanti altri, nell'ambito del memorial day organizzato dal Sap, il Sindacato autonomo di polizia (LEGGI ARTICOLO), il cui segretario provinciale Fabio Ballestriero ha affiancato don Gianni Vettorello, cappellano della polizia, per un breve discorso. Un omaggio concreto e sentito, che si è tramutato anche in una staffetta in bici, con alcuni poliziotti del Sap che hanno raggiunto i colleghi di Ferrara, cui poi passare il testimone in una ideale catena che perpetui il ricordo di chi non c'è più, ma ha lasciato insegnamenti ed esempi che non moriranno mai.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



Notizie più lette