24/01/2022

LA RASSEGNA DELL'ASSOCIAZIONE BARBUJANI

Giochi di luce ed effetti unici: ecco l'acquerello di Walter Tamiazzo

L'artista ha incantato il pubblico della biblioteca Carlizzi

Giochi di luce ed effetti unici: ecco l'acquerello di Walter Tamiazzo

13/05/2018 - 15:55

ROVIGO - Protagonista dell'ultimo incontro del ciclo “Conoscere l'artista: una serata, un'opera”, promosso dall'associazione Renzo Barbujani, è stato Walter Tamiazzo, nato ad Este, pittore acquerellista, figlio d’arte e pluripremiato in vari concorsi veneti. Di fronte al numerosissimo pubblico accorso alla biblioteca Carlizzi con la sicurezza e l’umiltà tipica di chi “sa fare” il pittore, esperto nel sapere cogliere e manifestare le sue emozioni, per dirla con le sue stesse parole, che sono sempre variabili ma sempre legate spiritualmente alle sue consuete vedute del paesaggio collinare dove vive, ha iniziato subito a dipingere su una base grafica già predisposta, scelta per questa serata, la Porta S. Bortolo di Rovigo, vista da piazza Roma. Attraverso la prima stesura, in un tempo abbastanza breve e con tocchi e pennellate sicure, in diretta e sotto gli occhi di tutti, l’artista ha attratto l’attenzione del pubblico attento e curioso e contemporaneamente, l’esperta Donatella Ferraresi ha commentato i vari passaggi sulla tecnica usata. In seguito alle domande dei presenti, sull’acquerello, la Ferraresi ha spiegato le caratteristiche tecnico-pittoriche: contiene in sé l’elemento casualità, una goccia che si asciuga lascia sempre un’impronta e può contribuire a creare piacevoli effetti che rendono l’opera unica e irriproducibile. Nell’acquerello si usa una carta di cotone, che può essere di diversi spessori e grammature, e vari possono essere i modi di dipingere per ottenere effetti di trasparenza, di luce tipici della tecnica, considerando che i pigmenti sono solubili in acqua. Il colore è luce, la luce bianca è composta da tutti i colori e riflessa sull’oggetto ne riproduce il colore reale. Nell’acquerello non viene fatto uso del colore bianco ma la luminosità viene data dagli spazi della carta non colorati. Conclusa l’esecuzione dell’opera, il pubblico ha applaudito calorosamente congratulandosi con Walter Tamiazzo. Un successo per l’artista ma anche per l’associazione Barbujani che sa attrarre a sé personaggi creativi di assoluto rilievo. Il prossimo evento si terrà mercoledì 16 maggio, alle 21 e l'ospite sarà il rodigino Otello Galasso, pittore naif, sempre alla biblioteca Carlizzi di via F. Corridoni, 40, a Rovigo. Ingresso libero e gratuito.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette