27/01/2022

IL CASO AD ADRIA

"I cittadini possono e debbono controllare"

L'attacco di Bartelle

"I cittadini possono e debbono controllare"

11/05/2018 - 18:00

ADRIA - “La giustizia comincia a districare la matassa dei soldi pubblici utilizzati nel progetto 'Adria- Borgo autentico nelle terre dei grandi fiumi' che tanto ha fatto discutere in questi ultimi cinque anni”. Lo afferma Patrizia Bartelle, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, polesana di Corbola, che torna sull'udienza alla sezione regionale della Corte dei conti dello scorso mercoledì 9 maggio (LEGGI ARTICOLO). Viene contestato un danno erariale, ossia uno spreco, o comunque un utilizzo non appropriato, di soldi pubblici per circa 114mila euro. La consigliera torna su quello che doveva essere un progetto di valorizzazione turistica per la città di Adria, "ma che ha registrato - prosegue - una serie di criticità, sollevate prima con l’ esposto di un cittadino, poi portate avanti dalle opposizioni rappresentate in consiglio comunale, e approdate nella mattinata del 9 maggio in udienza di discussione alla corte dei Conti di Venezia. Qui sono stati chiamati a rispondere di un danno erariale complessivo di 114.067,79 euro, ossia  un utilizzo non appropriato di fondi pubblici, i membri della giunta adriese e di un funzionario comunale”. "Quanto accaduto l’altra mattina in aula deve essere da monito per tutti - prosegue la Bartelle - perché dimostra che il ruolo di controllo dei cittadini sulla gestione amministrativa è fattibile. Tant’è che tutta la vicenda è partita da un esposto fatto da un semplice cittadino, al quale sono seguite  una serie di vicissitudini giudiziarie, che consistono in varie controversie legali al tribunale civile, in un procedimento penale, uno alla corte dei conti  in sede di prefettura e al giudice di pace”. "Ora attendiamo la sentenza  della corte dei conti con cui si definirà il giudizio, che potrà fare un po’ di luce su quest’intricata vicenda a cui la precedente amministrazione  adriese non ha mai voluto dare risposte in sede di Consiglio Comunale”

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette