25/01/2022

LA SEGNALAZIONE A ROVIGO

"Ciclabile pericolosa: sindaco, la sistemiamo?"

Lo chiede Antonio Rossini

"Ciclabile pericolosa: sindaco, la sistemiamo?"

10/05/2018 - 09:30

ROVIGO - "I cittadini residenti nella frazione di Roverdicrè e nel quartiere San Pio X hanno lamentato la disastrosa e pericolosissima situazione della ciclabile che unisce le due località, con particolare riferimento ai tratti che costeggiano l'Adigetto, dove la situazione che si presenta davanti gli occhi è disastrosa". Lo annuncia il consigliere comunale Antonio Rossini che, ancora una volta, si fa portavoce della cittadinanza per rappresentare le sue istanze all'amministrazione comunale. Il consigliere prosegue poi elencando i problemi che sono sotto gli occhi di tutti. "Barriere di protezione danneggiate con significativi tratti dove manca proprio, creando una situazione di pericolo per gli utenti ed in particolare per gli anziani ed i bambini; buche sul selciato, vegetazione che cresce alta a fianco alla carreggiata ostruendo il passaggio dei pedoni e dei ciclisti, panchine inutilizzabili in quanto avvolte dalle sterpaglie alte che favoriscono la riproduzione di insetti e zanzare con possibili problemi di salute pubblica in un territorio polesano già colpito dalla temibile West Nile". "Cestini per le immondizie divelti - prosegue poi la nota - il tutto rendendo il movimento in bicicletta, od anche a piedi, non solo difficoltoso, ma soprattutto pericoloso, minacciando seriamente l'incolumità di molti cittadini, giovani o meno, alla luce di quanto sopra esposto, situazione critica che si porta avanti da troppo". "A fronte di una generale esigenza di salvaguardia dell’incolumità fisica dei cittadini residenti nell’area, nonché dal pericolo di incidenti dovuti alla assoluta assenza di manutenzione ho chiesto al signor sindaco, se si intenda porre in atto tutte le azioni ritenute più idonee a riconsegnare vivibile ed utilizzabile in breve tempo la predetta pista ciclabile e pedonale ai cittadini di Rovigo, al fine di garantire un movimento ciclopedonale in sicurezza per i numerosi frequentatori". Ma non è l'unica richiesta che il consigliere d'opposizione ha inoltrato al sindaco, dal momento che gli ha anche chiesto "se si intenda, pertanto, disporre con urgenza lo sfalcio dell'erba, l'installazione e la riparazione delle barriere di protezione in legno, la sistemazione dei cestini; se si intenda, visto la situazione documentata con foto, voler far verificare se la l’attuale situazione del tratto di ciclabile tra San Pio X e Roverdicrè risponde ai criteri di minima sicurezza per il personale in transito, in caso contrario disporne la chiusura in attesa dei dovuti interventi di manutenzione; se si intenda far adeguare le superfici di rotolamento lungo l’intero itinerario ai criteri di sicurezza previsti dalla vigente normativa". Infine, una riflessione sulla mobilità sostenibile, tema ovviamente strettamente legato a quello delle condizioni della ciclabile. "La manutenzione della rete ciclabile - chiude infatti Rossini - intende rispondere alla necessità di difendere e di diffondere l'utilizzo della bicicletta quale mezzo di trasporto primario, capace di soddisfare anche gli spostamenti sistematici casa-scuola e casa-lavoro e di accesso ai servizi, e non solo quelli ricreativi o sportivi o di brevissimo raggio. Dovrebbero essere ben noti a questa amministrazione comunale i grandi benefici individuali, sociali, economici ed ambientali potenzialmente connessi all'uso della bicicletta (e della pedonalità) rispetto a quelli attribuibili a qualunque altro sistema meccanizzato".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette