17/01/2022

AMMINISTRAZIONE VERSO IL VOTO

Porto Tolle, al via i lavori per la “Casa del bambino”

Dal prossimo anno scolastico servirà pasti ogni giorno a 150 studenti dell'istituto Brunetti

Porto Tolle, al via i lavori per la “Casa del bambino”

08/05/2018 - 16:33

PORTO TOLLE – Negli ultimi giorni dell'amministrazione Bellan 1 e in vista della corsa elettorale per la conquista del secondo mandato, c'è un gran fermento a Porto Tolle. Dopo l'inaugurazione dei due plessi scolastici in seguito ai lavori di adeguamento antisismico, alla quale ha partecipato anche il ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli, l'inaugurazione del nuovo centro polifunzionale socio sanitario e la presentazione del progetto che convertirà la centrale Enel in un supervillaggio turistico, ecco che arriva la “La casa del bambino” e sarà pronta entro il 2018. “Servirà pasti a 150 bambini e aggiunge così un ulteriore passo a quelli già fatti per innovare le scuole di Ca' Tiepolo” spiega il sindaco di Porto Tolle Claudio Bellan, dopo l'inizio dei lavori per la nuova mensa dell'istituto comprensivo Brunetti. “Siamo alla conclusione di un progetto che nell'anno scolastico 2013-14 partì come sperimentazione. Allora assicurava il tempo pieno a 20 alunni di prima elementare: poi è cresciuto con più turni - continua il sindaco - e così l'amministrazione comunale ha ascoltato e risposto alle richieste dei genitori di potenziare il tempo pieno, e ha trovato le risorse necessarie a realizzare un'aula mensa. Si lavora per terminare gli interventi prima dell'inizio del prossimo anno scolastico in settembre, e comunque la scadenza è per la fine del 2018”. “Gli impegni assunti da questa amministrazione sono stati rispettati e - precisa il sindaco Bellan - questi nuovi lavori sono un tassello delle importanti opere compiute per l'edilizia scolastica, che nell'istituto comprensivo Brunetti hanno portato ad adeguare le scuole medie alle normative antisismiche e all'efficientamento energetico. Si tratta di interventi strutturali, che hanno isolato le facciate con un cappotto termico e installato nuovi serramenti. Non si tratta di semplici tinteggiature, come sostiene qualcuno che ha passato gli ultimi 5 anni a specializzarsi in disiformazione”. “Lo stesso - continua Bellan - vale per quanto sostenuto su diritti di pesca e allevamenti avicoli. La questione sui diritti di pesca è di tre anni fa, e se allora questa amministrazione comunale non avesse tenuto la barra dritta verso un accordo di unità tra le cooperative di pesca, oggi più di 600 soci non saprebbero dove fare la raccolta vongole: chi allora voleva la rottura, oggi è in lista con il mio prossimo avversario elettorale”. “E sulla questione degli allevamenti avicoli - conclude il sindaco di Porto Tolle - l'amministrazione comunale ha posto da subito le sue numerose perplessità alla commissione ambientale della Provincia. Poi, rispondendo anche alle sollecitazioni dei cittadini, in consiglio comunale ha interpretato in modo restrittivo un articolo già contenuto nel piano urbanistico del Comune, e così ha precluso questo tipo di investimento. Tanto che, come da notifica ricevuta pochi giorni fa, la società proponente ha presentato ricorso al Tribunale amministrativo regionale contro sia la Provincia sia il Comune di Porto Tolle. E in tutti questi passaggi la minoranza in consiglio comunale, purtroppo, è stata assente”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



Notizie più lette