17/05/2022

CRISI DEL LAVORO ROVIGO

Sicc, vescovo vicino ai lavoratori

Sicc, vescovo vicino ai lavoratori

19/11/2017 - 16:47

ROVIGO - “Il mondo del lavoro è il mondo del popolo di Dio: siamo tutti Chiesa, tutti popolo di Dio”. E' riprendendo queste parole, pronunciate da Papa Francesco durante l'incontro con i lavoratori dell'Ilva di Genova, che il vescovo della diocesi Adria-Rovigo Pierantonio Pavanello ha incontrato nei giorni scorsi gli amministratori e la rappresentanza sindacale della Sicc di Rovigo, azienda che sta attraversando un momento di seria difficoltà, a motivo del quale sono stati prospettati una ventina di licenziamenti. “La difficile situazione del mondo del lavoro in Polesine non lascia indifferente la Chiesa diocesana di Adria-Rovigo” spiega un comunicato della diocesi che dà notizia dell'incontro organizzato “con l’intento di manifestare la vicinanza e la solidarietà della comunità cristiana”. Monsignor Pavanello ha espresso la propria solidarietà ai lavoratori e alle loro famiglie e ha auspicato l’impegno delle istituzioni e delle forze sociali ed economiche per dare uno sbocco positivo alla crisi della Sicc. Ha incoraggiato la direzione dell’azienda a cercare tutte le strade per salvaguardare i posti di lavoro e per non lasciar cadere le possibilità di un rilancio dell’attività. “Sarebbe gravissimo – si legge nella nota - non solo per l’azienda in questione, ma anche per l’intera comunità polesana, se di fronte alle oggettive difficoltà, si scegliesse la strada di arrendersi chiudendo l’azienda o ridimensionandola in misura significativa. La crisi della Sicc è infatti sintomatica di una situazione che colpisce tutto il territorio polesano e che esige da parte di tutte le forze sociali uno sforzo comune di reazione e di progettazione per il futuro. Da parte sua la Chiesa diocesana si sente impegnata ad offrire quel messaggio di speranza e di impegno condiviso che viene dal Vangelo e dalla Dottrina sociale della Chiesa”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0