21/05/2022

FERROVIA ROVIGO-VERONA

"Regione tolga gestione a Sistemi territoriali"

"Regione tolga gestione a Sistemi territoriali"

17/11/2017 - 11:49

VERONA - Tre parlamentari Pd scendono in campo per i pendolari della Rovigo-Verona. Il polesano Diego Crivellari, Diego Zardini e Giulia Narduolo chiedono a gran voce un cambio di rotta:  "Se Servizi Territoriali Spa non è in grado di gestire il pur esiguo traffico nella tratta, la Regione imponga allora a Trenitalia di riprendere la gestione diretta". A fronte dei continui disagi a cui sono sottoposti lavoratori e studenti che abitualmente utilizzano la linea, i deputati chiedono un intervento diretto del governatore Zaia . Inoltre, sottolineano,  "i pendolari devono essere rimborsati con abbonamenti gratuiti". La goccia cha ha fatto traboccare il vaso, l'ultimo incidente di percorso con i viaggiatori che utilizzano la linea ferroviaria tra Legnago e Verona, lasciati senza mezzi di trasporto nelle mattine di martedì 7 e giovedì 9 novembre. "Senza informazioni e senza corse sostitutive, decine di persone hanno dovuto fare affidamento all’improvvisazione per raggiungere la scuola, l’università o il posto di lavoro", rilevano i tre. La cancellazione di treni a causa di guasti e carenza di materiale rotabile si protrae da ormai molti anni ed è cosa nota in zona: "I treni utilizzati sono vecchi e molto spesso insufficienti a soddisfare la domanda giornaliera. Anche per questo nel 2015 Legambiente ha inserito la tratta tra le 10 peggiori d’Italia. Sistemi territoriali è partecipata al 99,83 per cento da Veneto Sviluppo, quindi è della Regione Veneto", incalzano. Dal 2010 a oggi, i problemi che risalgono alla fine degli anni Novanta, non sono mai stati né affrontati nè risolti. Anzi, in alcuni casi sono addirittura peggiorati: "La Regione tolga alla propria partecipata la fallimentare gestione della ferrovia e soprattutto proceda velocemente a rimborsare i titolari di abbonamento (mensile, trimestrale e annuale) offrendo a partire da gennaio 2018 altrettanti abbonamenti con sconti variabili dal 70 al 30 per cento in considerazione dei disagi e dei costi sostenuti dai viaggiatori a causa delle perduranti inefficienze nella gestione della ferrovia".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0