18/05/2022

RIEVOCAZIONE STORICA

Magia di una piazza d'altri tempi incanta Fratta

15/11/2017 - 17:10

FRATTA POLESINE - E’ sufficiente nominare la parola “storia” perché nell’immaginario collettivo affiori un’idea di noia e di distacco. Ma quando la storia si fa cinema e teatro, l'argomento diventa più vivo ed interessante. E proprio questo è avvenuto domenica 12 novembre durante la rievocazione delle tragiche vicende dei carbonari di Fratta Polesine. Secondo quanto affermato dal professore Carlo Saletti, storico e docente dell’Accademia dell’Opera di Verona, spettatore attento della manifestazione, i figuranti e i cittadini di Fratta Polesine hanno agito come su un set cinematografico che lentamente si è fatto teatro ed azione pura. E così gli spettatori sono stati catturati dalla magia di una piazza d’altri tempi, dove la scenografia delle ville palladiane diventava impareggiabile e dove gli interpreti si muovevano secondo un copione consolidato dalla tradizione e curato dalla giovane regista Selene Farinelli. Le musiche e le danze del gruppo rodigino “Ande cante e bali” hanno riattualizzato un passato lontano, quando la musica di strada si faceva colonna sonora di ogni umano evento; sono poi entrati in scena gli attori girovaghi con sottili provocazioni contro il potere costituito e i saltimbanchi del Circo FamigliaGroup, i quali con eccezionale maestria nell’uso dei numeri circensi hanno colorato di luce l’atmosfera magica del tramonto. L’emozione dell’arresto dei carbonari, interpretato con grande pathos dai figuranti del paese, si è dissolta nelle voci dei piccoli della scuola materna e nell’apparizione della bandiera italiana portata a mani dai bambini della scuola elementare sulle note dell’Inno di Mameli, con l'idea di affidare alle nuove generazioni il sacrificio dei carbonari e di tutti coloro che hanno lottato per l'Unità d'Italia. Grazie al sentito impegno dell'amministrazione comunale si è fatta davvero una bella pagina di storia, questa volta per tutti, perché il ricordo del passato concorra attivamente alla formazione della nostra identità di cittadini.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0