22/05/2022

ECONOMIA

Lo spettro della crisi sul Self, scaffali vuoti e preoccupazione

Lo spettro della crisi sul Self, scaffali vuoti e preoccupazione

08/11/2017 - 22:05

ROVIGO – La crisi picchia duro e a soffrire non sono solo le grosse aziende come Bellelli Engineering, Guerrato spa e Sicc. Anche i colossi commerciali stanno vivendo una fase di grande difficoltà. E' il caso di Self Italia, celebre catena tutta italiana di distribuzione specializzata nel “fai da te” nata nel 1984 e che a Rovigo vanta la presenza di un punto vendita quasi storico situato nell'area del centro commerciale Tredici. Self Italia, a quanto pare, ha depositato nei giorni scorsi una richiesta di pre concordato al Tribunale competente nella città in cui la società ha sede, ovvero Torino. Da tempo, infatti, è stato annunciato il rilancio dell'impresa grazie all'ingresso in società di un nuovo socio (e di conseguenza di nuovi capitali). Ma questa operazione sembra essere stata più volte rinviata. E qui è sorto il problema che ha travolto, a valanga, tutta la catena. Nel Self dell'area Tredici lavorano attualmente 17 dipendenti, direttore compreso. E l'aria che si respira nello stabile sembra sia piuttosto pesante. Chi è stato nel punto vendita rodigino in tempi recentissimi racconta che la condizione di difficoltà è lampante: gli scaffali del Self, sempre fornitissimi di ogni genere di attrezzo e utensile, ora risultano mezzi vuoti. Particolarmente preoccupante se si pensa che, con il Natale alle porte, si dovrebbe avvicinare invece uno dei momenti di massima affluenza. Una situazione che non fa altro che alzare il livello di preoccupazione dei lavoratori. Del resto dai “piani alti” non starebbero arrivando le adeguate rassicurazioni men che meno qualche aggiornamento relativo alla situazione societaria.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0