20/05/2022

EMERGENZA POVERTA'

Attacco al sindaco e un "Pranzo tricolore"

Attacco al sindaco e un "Pranzo tricolore"

31/10/2017 - 09:14

ROVIGO - Forza Nuova insorge sull'emergenza povertà. Dopo che un gruppo di militanti, assieme agli amici dell’associazione Solidarietà Nazionale, ha iniziato a portare già da qualche tempo vestiario, coperte e generi di prima necessità a due clochard costretti a dormire per terra alla stazione di viale Marconi, completamente abbandonati dalle istituzioni, la notizia della chiusura. Ora la notizia della chiusura per mancanza di fondi del servizio di mensa Ozanam, seguita dall'Associazione San Vincenzo De Paoli, apre un ulteriore cratere sull’emergenza povertà nel capoluogo polesano. "Le oltre 75mila visualizzazioni e i moltissimi commenti positivi ottenuti dal video girato durante la consegna di materiale ai due clochard italiani, ci ha fatto capire che la gente è con noi e il problema dei nuovi poveri italiani è molto sentito dalla popolazione - afferma Giuseppe Zito, dirigente nazionale del partito -  Il Comune deve assolutamente intervenire invece di preoccuparsi solo ed esclusivamente dei finti profughi: il sindaco Bergamin non può continuare a sbraitare il televisione e poi far finta che a Rovigo vada tutto bene. Italiani poveri ce ne sono e devono avere la priorità...". A questo proposito Forza Nuova lancia per sabato 18 novembre il "Pranzo Tricolore" per soli italiani. In via Bedendo 7, sede del movimento nazionalista, i militanti offriranno un pasto caldo alle persone in difficoltà. “Già consegniamo mensilmente generi di prima necessità ad una trentina di famiglie italiane del territorio che si trovano in difficoltà e visto che gli enti proposti se ne fregano altamente, noi di Forza Nuova, da patrioti cerchiamo di aiutare i nostri connazionali anche con questo servizio– conclude Zito – Per quanto ci riguarda, nessuno deve rimanere indietro”. Ufficio Stampa Forza Nuova Veneto Rovigo@forzanuova.info

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0