16/05/2022

SENATORE VS COMANDANTE

Amidei aveva ragione: reato ci fu. Ma...

Amidei aveva ragione: reato ci fu. Ma...

26/10/2017 - 15:52

ROVIGO - Archiviare. Questa ha deciso il giudice di Rovigo in merito alla querela presentata dal senatore Bartolomeo Amidei nei confronti del comandante della polizia locale di Rovigo Giovanni Tesoro. I fatti risalgono all'agosto 2015: il parlamentare, che all'epoca aveva un ufficio di rappresentanza in piazzale D'Annunzio, era stato multato due volte dai vigili perchè, pur in possesso di regolare permesso rilasciato sia ai residenti sia a chi possiede un ufficio in affitto, non l'aveva mai attivato. Dopo essersi rivolto al comando di viale Oroboni, era stato lo stesso Tesoro a suggerire che gli fosse inviato il ricorso da inoltrare alla prefettura. Il resto è storia: la vicenda che diventa invece di dominio pubblico, con il senatore messo alla berlina anche dalla stampa nazionale e la decisione, ovvia, di tutelarsi anche perchè appariva evidente che la "fuga di notizie" fosse partita proprio dagli uffici dei vigili. Ora, con i soliti tempi tutti "italiani", la sentenza che solleva il comandante anche se, come rileva Amidei "l'archiviazione significa solo che non si è riusciti a individuare chi, fisicamente, commise il reato. La realtà è che il giudice ha ammesso che infatti reato ci fu e quindi che avevo ragione io. Mi reputo soddisfatto - prosegue Amidei - anche se avrei preferito capire chi aveva potuto commettere una cosa del genere. Risarcimento? Perchè no, potrei anche valutare quest'ipotesi e se sarà, devolverò tutto come già detto in beneficenza ai servizi sociali del Comune di Rovigo. E sia chiaro: quel che è successo a me, poteva e può capitare ogni giorno chiunque...".    

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0