Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

TRIATHLON

Rhodigium in evidenza anche agli Italiani Sprint

Rhodigium in evidenza anche agli Italiani Sprint
LIGNANO S. (UD) - Livello altissimo al Campionato Italiano di Triathlon Sprint con tutti gli atleti più veloci della penisola che si son dati battaglia lo scorso weekend tra le onde del litorale friulano e le strade della retrostante pineta. Tra i nomi di spicco, l’olimpionico Fabian ma anche i vari Uccellari, Secchiero, Pozzatti, Facchinetti, che hanno dato spettacolo con inseguimenti, cadute, sorpassi e una sessione di corsa impressionante che ha visto Fabian prevalere. Impossibile ovviamente per un age group insediare la leadership di questi mostri sacri, che hanno chiuso con un crono di 53m 35s il veloce percorso cittadino. Occorre tuttavia tributare un applauso a  Nicola Battocchio, che ha condotto una gara splendida e ha compiuto un’impresa non da poco, abbattendo il muro dell’ora. L'alfiere della Rhodigium ha concluso in  59m e 10s, piazzandosi 77esimo in classifica generale in  competizione che vedeva in gara un migliaio di partecipanti, molti dei quali professionisti. Con lui, in griglia di partenza, anche  Gian Franco Natali, categoria M4, che ha chiuso in 1h 25m. Se il sabato (30 settembre, ndr) era riservato agli uomini, domenica 1 ottobre è toccato alla staffetta e della  Coppa Crono a squadre. E’ a quest’ultima competizione che la Rhodigium Team ha dato prova della sua maturità, schierando ben quattro squadre, numeri che solo le squadre più consolidate o di città molto più grandi di Rovigo possono vantare. Ma al di là della folta partecipazione di atleti, anche la qualità dei risultati è da elogiare. La squadra più veloce è stata quella formata dal presidente  Enrico Novo, dal coach  Stefano Bortolami, e dai campioni  Michele Aglio, Nicola Battocchio e  Omar Bertazzo, che hanno chiuso con un tempo eccezionale di  59m e 16 s, classificandosi  noni su oltre 230 squadre alla partenza. Il tutto con un Bortolami influenzato e Aglio infortunati dopo la caduta rimediata al 70.3 di Pola. La seconda squadra più tosta era composta da  Gianluigi Vecchiatti, Alessandro Zampirollo, Giampietro Giomo, Leonardo Tasinato e Alberto Garavello. Con una sessione bici stupenda e velocissima e una corsa altrettanto valida, hanno chiuso al 73esimo  posto, in  1h 7m 16s. Meno veloci, ma non meno valorosi,  Mirko Zandron, Luigi Fini, Matteo Dentuto, Giorgio Marucco e Marco Bagnani, che, pur meno esperti, hanno saputo in poco tempo trovare il giusto affiatamento ed esibirsi in una performance pregevole, di  1h 10m e 50s, meritandosi la 106esima piazza sulle 235 squadre maschili giunte al traguardo. In campo anche una squadra femminile di donne orgogliose e determinate:  Claudia Martinelli, Barbara Loro, Erika Marcolin e Arianna Tomaini hanno convinto, oltre che per i loro bellissimi sorrisi, anche per il loro risultato:  28esime di 50 squadre femminili, con un crono di 1h 25m 37s.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy