16/05/2022

"CONCORSONE 2017"

Presidi, prova al via: otto posti disponibili in Polesine

Presidi, prova al via: otto posti disponibili in Polesine

24/09/2017 - 14:16

ROVIGO - Al via il "Concorsone 2017" per dirigenti scolastici: circa 2400 i posti disponibili splamati su tutto lo Stivale, 8 dei quali in Polesine. Sette invece le scuole del Delta che resteranno senza presidi in quanto sottodimensionate e che dovranno continuare con le "reggenza" da parte di figure esterne: un altro record negativo che ci vede maglia nera in Veneto. La procedura concorsuale si articola in tre fasi: eventuale prova pre-selettiva, concorso di ammissione al corso di formazione dirigenziale e corso di formazione dirigenziale e tirocinio. Può partecipare alla procedura concorsuale, il personale docente ed educativo in possesso dei requisiti: essere assunti con contratto a tempo indeterminato, aver superato l’anno di prova, essere in possesso di diploma di laurea magistrale, specialistica o laurea conseguita in base al previgente ordinamento, di diploma accademico di secondo livello rilasciato dalle istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica ovvero di diploma accademico di vecchio ordinamento congiunto con diploma di istituto secondario superiore e aver prestato un servizio di almeno cinque anni nelle istituzioni scolastiche ed educative del sistema nazionale di istruzione. Ai fini del raggiungimento dei cinque anni di servizio richiesto sarà possibile computare anche gli anni di precariato. Si considera poi anno di servizio quello prestato per almeno centottanta giorni o ininterrottamente dall'1 febbraio fino al termine delle operazioni di scrutinio finale. Il servizio può essere stato svolto anche presso le scuole paritarie. Considerato che le scuole paritarie fanno parte del sistema nazionale di istruzione, tutto fa supporre che il servizio prestato in tale scuole sia valutabile ai fini del raggiungimento del requisito dei 5 anni. Restano esclusi invece i precari, sebbene abbiano 5 anni di servizio e siano abilitati, ed anche i neo immessi in ruolo sino al superamento dell’anno di prova. Le prime assegnazioni saranno attivate a decorrere l'anno scolastico 2018-2019. Ma nel frattempo un nuovo problema porrebbe sorgere, ossia quello dei pensionamenti dei dirigenti già nominati. Il concorsone potrebbe in questo caso rivelarsi insufficiente a coprire la moria di presidi.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0