16/05/2022

BADIA POLESINE 

In Vangadizza le influenze popolari nella musica "colta"

In Vangadizza le influenze popolari nella musica "colta"

07/09/2017 - 10:34

BADIA POLESINE - Domenica 10 settembre alle 17,30 nuovo appuntamento nell’abbazia della Vangadizza con “Un Po oltre Bach”, l’itinerario musicale fra le architetture sonore del Polesine ideato con lo scopo di valorizzare i luoghi d'arte per eccellenza del nostro territorio. “Da Bach ad oggi, influenze popolari nella musica colta” è la proposta del maestro Luca Paccagnella, ideatore della rassegnaQuesti i brani scelti: G. Degli Antonimi Ricercata XD. Gabrielli Ricercar n. 7; E. Bloch Suite n.1 Prelude, Allegro, Canzona, Allegro; J. S. Bach Adagio dalla Toccata Bwv 564; A. Costantini Passacaglia (2017) Omaggio a J.S. Bach, prima esecuzione assoluta; J. Sibelius Tema e Variazioni; Z. Kodaly Sonata Op. 8 Allegro maestoso ma appassionato, Adagio, Allegro molto vivace; A. Piazzola Tango Etude n. 3. Il progetto collega e mette in luce due distinte discipline artistiche, apparentemente lontane, in un continuo interagire che ne amplia ed esalta le specifiche caratteristiche e peculiarità: come nella musica, così anche nell’architettura si parla di armonia, equilibrio, proporzione e ritmo. Luca Paccagnella, docente di Quartetto e Musica d'insieme per archi al Conservatorio Verdi di Milano, è stato direttore del conservatorio Venezze di Rovigo dal 2004 al 2010 e docente fin dal 1986. Presidente fondatore del consorzio dei conservatori della Regione Veneto ha fondato e dirige Eroica Cello Ensemble formato dai suoi studenti, numerosi dei quali vincitori di concorsi internazionali. Suona uno strumento italiano della fine del XVII secolo attribuito alla famiglia Testori di Milano. Nel suo complesso la rassegna, iniziata il maggio si concluderà il 28 dicembre in Rotonda a Rovigo dopo ben 31 concerti itineranti ospitati nei gioielli architettonici del Polesine

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0