17/05/2022

ROVIGO SUL RED CARPET 1

Franceschini benedice la mostra AttorInvoce

Ministro in visita per l'anteprima del libro Senti chi parla 

31/08/2017 - 14:36

VENEZIA - Il Festival del Cinema di Venezia inaugura i suoi splendori e comincia dal doppiaggio, arte ed eccellenza italiana, che si è messa in mostra, per iniziativa della Polesine Film Commission presieduta da Angelo Zanellato, nei saloni della Regione Veneto all'Excelsior Hotel.

L'inaugurazione della mostra interattiva "AttorInvoce" e l'anteprima del libro "Senti chi parla", dedicati alla voci del cinema, ha avuto come padrino il ministro dei Beni e Attività Culturali Dario Franceschini che si è intrattenuto a lungo davanti ai pannelli dell'esposizione, accompagnato, oltre che da Angelo Zanellato, dal sottosegretario al Ministero dell'Economia e delle Finanze Pier Paolo Baretta e dall'assessore regionale alla Cultura Cristiano Corazzari. L'iniziativa dedicata al doppiaggio è stata finora la più cliccata sulla pagina Facebook della Biennale di Venezia con oltre 27.600 mila visualizzazioni e la prima per like, oltre 900: un successo per la Polesine Film Commission che per prima ha creduto nel progetto. 

Domani, venerdì 1 settembre, presentazione del docufilm “Generazioni parallele” di Nicola Berti e dei filmati “I tesori del Polesine" di Fozzato Riccardo e Pierluigi Begossi nei quali il territorio del Polesine è il protagonista naturale di tutte le scene. Sabato la presentazione del libro Senti chi parla - Le 101 frasi più famose del cinema e chi le ha dette veramente alla quale seguirà la consegna del Leggio d'Oro, il più antico premio dedicato ai doppiatori. I premiati saranno Angelo Maggi, voce di Tom Hanks, è Chiara Colizzi, voce di Uma Thurman.

Infine domenica 3 settembre al centro delle attività della Polesine Film Commission, proiezione del film “Tanto non t’amerò” di Ferdinando De Laurentis, i corti “Waiting room” della LP network a cura di Ferdinando De Laurentis, il corto metraggio “Psicopompo” di Morgan Menegazzo e Maria Chiara Pernisa ed il documentario “Dino"  sulla figura di Davide Lanzoni, rugbysta, medico, dirigente sportivo e fondatore della Società Sportiva Rugby Rovigo di Alberto Gambato.

“Un ricco calendario di iniziative - rileva Angelo Zanellato - che per l’ottavo anno consecutivo ha l’obiettivo di portare il nostro territorio polesano all’attenzione del settore cinematografico internazionale”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0