20/05/2022

S. BELLINO

Arte, quando il paese diventa... cantiere 

Arte, quando il paese diventa... cantiere 

28/08/2017 - 07:14

S. BELLINO - Dopo il successo delle due precedenti edizioni, "Cantiere Arte" ritorna dall'1 al 3 settembre prossimo. L'evento, dopo il successo delle due precedenti edizioni autunnali, viene riproposto con un programma innovativo ma che ne preserva l’unicità e l’idea originaria. Il primo weekend di settembre diviene così un’intensa tre giorni di eventi con spettacoli, incontri di storia dell’arte, musica e teatro e un convegno scientifico divulgativo sulla storia del vetro. L’edizione 2017 vede sempre l’organizzazione attiva della biblioteca comunale di San Bellino e dell'associazione culturale "L’Asino d’Oro" nei suoi ideatori e coordinatori scientifici Raffaele Campion, Flavia Micol Andreasi e Sara Caraccio che si dichiarano entusiasti e pronti a questa straordinaria terza edizione. Gli eventi inizieranno venerdì 1 alle 21 con “Il sogno di Ipazia” spettacolo teatrale del Teatro Belli di Roma ispirato all’ultimo giorno di vita della scienziata e filosofa greca del IV secolo Ipazia di Alessandria. Un altro spettacolo di alta qualità si terrà la sera seguente con “Dalla parte sbagliata della Storia” dei Delirici-Cantastorie di Bologna, su volto ed episodi del Novecento che hanno fatto la Storia, con musiche di Bruce Springsteen, David Bowie e U2. Nella mattina di sabato 2 alle 10, presso il giardino di Palazzo Tomanin, spazio all’evento culturale più importante: il convegno scientifico divulgativo “Viaggio nella storia del vetro. Dalle produzione di Frattesina alla Vetreria d’Arte Tomanin”. Molti i relatori qualificati che interverranno per raccontare le produzioni vetraie in Polesine a partire da sito protostorico di Fratta Polesine. Parteciperanno tra gli altri Paolo Bellintani, funzionario archeologo della Soprintendenza di Trento, Raffaele Peretto, presidente del CPSSAE di Rovigo e già direttore del Museo dei Grandi Fiumi, le docenti dell’Università di Ferrara Carmela Vaccaro, professore associato di georisorse minerarie per i beni culturali, e Ursula Thun Hohenstein, ricercatore di antropologia ed infine Sandro Tomanin, maestro artigiano della Vetreria d’Arte omonima.  L’ultimo giorno, domenica 3 settembre, sarà dedicato ad incontri di arti visive e performative nelle ville di San Bellino. Si parte alle 16 presso il parco di Villa Guarini, per la prima volta aperto al pubblico, con la performance teatrale “Il pastorfido”, ispirata al poema omonimo di Battista Guarini che qui la compose sul finire del ‘500 e a seguire aperitivo immersi nella natura del parco. Alla sera evento conclusivo di Cantiere Arte presso il giardino di Palazzo Tomanin con “All art has been contemporary / Tutta l’arte è stata contemporanea”, dialoghi e percorsi virtuali nell’arte e nella sua storia con i giovani storici dell’arte Raffaele Campion, Anna Chiara Gueraldo e Costanza Resini, accompagnati daimusicisti del Conservatorio “Venezze” di Rovigo, che proporranno temi dal Rinascimento all’Ottocento sino alle tendenze contemporanee.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0