17/05/2022

TAGLIO DI PO 

Profughi, Siviero: "Documento d’intesa con i sindaci del Delta”

Profughi, Siviero: "Documento d’intesa con i sindaci del Delta”

05/08/2017 - 08:41

TAGLIO DI PO - L’annosa questione richiedenti asilo a Taglio di Po non accenna a diminuire nei toni, sia in paese che su Facebook. Dopo il durissimo incontro in sala Europa del 18 luglio scorso in cui l’amministrazione ha ribadito al Prefetto la "contrarietà a un progetto tanto impattante per la comunità locale (la sistemazione presso l'hotel Mancin, ndr) soprattutto nei numeri, che rischiano di sfociare in una difficile gestione e in una ghettizzazione che sicuramente non porterà nulla di buono", ecco la proposta che parte direttamente da Francesco Siviero.   “I poteri del sindaco – spiega il primo cittadino – sono molto limitati in questo frangente. Abbiamo approvato all’unanimità, in Consiglio comunale, un ordine del giorno che esprime la nostra contrarietà ad un progetto di accoglienza come quello presentatoci. Arrivati a questo punto, solo un’azione condivisa con tutti i Comuni e sindaci del Delta può ridare speranza ad un cambio di rotta nel modello di gestione; si pensi, infatti, che più di un terzo dei richiedenti asilo ospitati nella provincia di Rovigo sono concentrati in pochi Comuni limitrofi a Taglio di Po: Porto Viro, Loreo, Ariano Polesine e Adria".   Di fronte ad una panoramica di questo tipo, "pur non volendoci sottrarre alle nostre responsabilità, crediamo - incalza Siviero - che lo Stato debba porsi il problema della reale sostenibilità dello sforzo che richiede alle nostre piccole comunità locali, soprattutto in merito ai numeri e alla realtà sociale ed economica. Decisioni così perentorie devono essere ponderate insieme e non imposte: dev'esserci un confronto a monte, prima di prendere una decisione. E in questo senso, una ridistribuzione dei rifugiati tra tutti i Comuni della provincia di Rovigo è quanto mai necessaria".   Di qui la proposta di allargare anche alle realtà vicine: "Abbiamo intenzione di invitare tutti i Comuni del Delta, interessati o meno dalla presenza di rifugiati nel loro territorio, a redigere un documento d’intesa, che ne chieda una ridistribuzione omogenea tra tutti i Comuni della provincia di Rovigo. Una volta condiviso e firmato da tutti i sindaci sarà inviato direttamente al Ministro dell'Interno Marco Minniti".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0