16/05/2022

ACCADEMIA DEI CONCORDI

Contributo-ponte di 25mila euro: ossigeno puro

Contributo-ponte di 25mila euro: ossigeno puro

31/07/2017 - 16:12

ROVIGO - L'indispensabile per la sopravvivenza o un compromesso per “tirare avanti” un altro po' in attesa di tempi migliori? Il contributo di 25mila euro all'Accademia dei Concordi deliberato oggi, lunedì 31 luglio, dalla giunta di palazzo Nodari, probabilmente è entrambe le cose. Ad annunciare che i conti della principale istituzione culturale rodigina avranno un po' di respiro è una nota firmata dal sindaco Massimo Bergamin che comunica: “Deliberati 25mila euro a favore dell'Accademia dei Concordi. La giunta comunale presieduta dal sindaco Massimo Bergamin ha stanziato il contributo al fine di scongiurare la chiusura della biblioteca”. E dopo l'annuncio, anche il commento del primo cittadino: ”Nonostante la gravità della situazione economica del bilancio comunale, sul quale grava la vicenda Baldetti, il Comune ha dimostrato ancora una volta di non lasciare nessuno da solo. Con i vertici dell'Accademia e con i sindacati ci aggiorneremo il 3 agosto nell'incontro già prefissato. E' chiaro, però, che così non si può andare avanti. Lo sforzo fatto oggi dal Comune richiede rinunce su altri capitoli. L'Accademia va riformata. Ci sono dinamiche relative a responsabilità di denaro pubblico su cui dobbiamo incidere a livello gestionale”. Fin qui tutto bene: le vicende legate all'erogazione della quota di contributo all'Accademia da parte del Comune sono note da tempo e si ripetono con puntualità praticamente ogni anno (fin dai tempi in cui il presidente era Luigi Costato, ndr). Ed anche il rischio che l'Accademia venga chiusa perché è a corto di risorse, come ha fatto l'attuale presidente Enrico Zerbinati durante un Consiglio comunale di poche settimane fa, non è purtroppo una novità. Ma è nelle righe successive che Bergamin svela la propria strategia per salvare i Concordi. La si può riassumere in una parola: privatizzazione. Del tutto o in parte, per ora, non è dato saperlo. “E' necessario – afferma il sindaco - l'ingresso di privati e la riformulazione di una nuova convenzione. Il rinnovo del cda è previsto per novembre, per cui i tempi sono stretti ed è necessario sedersi intorno ad un tavolo per ridefinire i rapporti. Non accetto barricate: il Comune sta facendo del suo meglio e chiedo la collaborazione di tutti. Non lasceremo soli nemmeno le scuole paritarie e il Cur”. A questo punto, non resta che attendere l'incontro tra il primo cittadino, il presidente Zerbinati e i rappresentanti sindacali dei dipendenti dell'Accademia per capire se la strada della privatizzazione è segnata.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0