16/05/2022

BADIA POLESINE

E la nuova giunta si "sporca le mani"

E la nuova giunta si "sporca le mani"

17/07/2017 - 08:01

BADIA POLESINE - Nel corso della campagna elettorale la squadra di Giovanni Rossi aveva promesso un occhio di riguardo nei confronti delle frazioni (troppo spesso abbandonate al proprio destino) ma nessuno avrebbe potuto preventivare che si arrivasse a tanto in così breve tempo Nella località “Barchetta” di Villa D’Adige si è infatti svolta un’iniziativa capitanata dal capogruppo di maggioranza Cristian Brenzan durante la quale sono stati raccolti, nel giro di poche ore, oltre 33 quintali di rifiuti"Il cambiamento parte in primo luogo dalla buona volontà, dal fatto di essere tutti cittadini al servizio dei cittadini - ha dichiarato il consigliere leghista per fare in modo che le frazioni possano finalmente ritrovare il primato che meritano, e non che vengano dimenticate in modo vergognoso". L’operazione, come detto, è avvenuta in zona Barchetta, sulla strada che porta a Menà, situata a ridosso dellTranspolesana. La posizione decentrata dell’area e la conformazione alla stregua di un’oasi hanno fatto sì che negli ultimi anni molti “incivili”, col favore delle tenebre, riempissero l’area di rifiuti d’ogni tipo: materassi, copertoni, doghe, siringhe, cartacce, corde, pannelli di legno, sgabelli, lattine, lavandini, taniche, sostanze oleose e molto altro Fra i frequentatori della discarica a cielo aperto non ci sono soltanto badiesi: “Da tempo alcune persone scambiano questo luogo per un immondezzaio - evidenzia Brenzan - ed è uno scandalo constatare come tra i rifiuti siano stati trovati quaderni di bambini residenti in provincia di Padova. La buona riuscita del processo di pulizia è stata favorita dalla collaborazione di Massimo Morelli (responsabile dell’ufficio ambiente del Comune di Badia, ndr) che non ha esitato a sporcarsi le mani, in una mattinata di ferie, al fine di rendere più vivibile la propria cittadina. Fra i volontari accorsi anche Piergiorgio De Marchi (Lega nord Badia) e due amici di Cristian Brenzan. Poche persone, purtroppo, rispetto a quanto auspicato alla vigilia dell’evento: “Mi sarebbe piaciuto che ci fossero più cittadini, con una maggiore partecipazione - precisa il capogruppo - avremmo faticato di meno e dato un segnale importante di partecipazione. Si spera che questa intensa iniziativa possa servire da esempio per tutti, a dimostrazione che ci sono ancora persone che hanno a cuore il benessere e la cura del proprio territorio". g.b.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0