19/09/2020

Rovigo

Insulti razzisti e vandali, il chiosco non ha pace

Grave raid razzista nella notte. Scritte contro Floyd, l'uomo nero ucciso in America dalla polizia. Indaga la questura

ROVIGO - Non c'è pace per il chiosco di piazza Merlin a Rovigo. Vandali nella notte tra sabato 6 e oggi domenica 7 giugno, sono entrati nel cantiere, lo hanno distrutto e hanno rotto le vetrate.

Sulle vetrate dell’ex bar sono spuntate due scritte, tracciate in vernice bianca
: due scritte contraddittorie che lasciano ipotizzare che chi ha fatto questo gesto non sapesse nemmeno il vero significato di quello che stava scrivendo.

Si legge una scritta ingiuriosa nei confronti di George Floyd, l’afroamericano ucciso dalla polizia a Minneapolis la cui morte ha scatenato un’ondata di indignazione e proteste negli Usa. Nei suoi confronti, i vandali rodigini, si sono lasciati andare nel più becero e scontato degli insulti razzisti (“negro di m...”, hanno scritto, dopo il suo nome, sulla vetrina dell’ex chiosco). 

Ma si legge “Black live matter”, ovvero “le vite dei neri sono importanti”, lo slogan diventato simbolo dell’ondata di indignazione e di protesta che da ormai due settimane sta scuotendo gli Stati Uniti, e che è culminata, l’altro giorno, con la grande manifestazione davanti alla Casa Bianca. Messaggi contraddittori.

Un raid compiuto, con tutta probabilità nella notte tra sabato e domenica, anche se già sabato mattina un vetro del chiosco, nella parte superiore rispetto alla vetrina, era stato mandato in frantumi, forse con un sasso. Indaga la polizia di stato.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette