Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

Barche ancora "esiliate" dal porto di Pila

I disagi continuano

73463
Ieri due imbarcazioni hanno ricevuto il via libera per tornare al porto, ma una ha rischiato di incagliarsi. I lavori di dragaggio dovevano durare 2 settimane, ma ne sono passate 8.
Un calvario che sembra non avere fine quello dei pescatori di Pila. Ieri due delle sei barche "esiliate" hanno fatto ritorno al porto polesano, dopo aver ricevuto il via libera dalla ditta che ha eseguito i lavori di dragaggio.



Ma ad attenderle una brutta sorpresa: il porto non è ancora praticabile. Una delle due imbarcazioni ha rischiato infatti di incagliarsi sui banchi di sabbia che ostruiscono la bocca di Barbamarco.



I cantieri non potranno ancora levare le tende, quindi. E per i pescatori il disagio continua: sono trenta i "lupi di mare" che da otto settimane si alzano nel cuore della notte per essere a Porto Garibaldi alle 4 di mattina e da qui prendere il largo. Prima di calare le reti, però, i pescatori devono affrontare altre tre ore di navigazione: una vera odissea.



Alla sera, poi, una volta rientrati in porto, devono scaricare il pescato e preparare la barca per il giorno dopo, prima di salire in macchina e percorrere i 60 chilometri che li separano da casa. In queste condizioni il tempo per riposare è davvero poco.



Per guadagnare qualche ora di sonno in più, all'inizio i pescatori dormivano in barca, nella speranza di dover stringere i denti soltanto per le due settimane di durata dei lavori.



Ma si sbagliavano: a otto settimane dall'apertura del cantiere, la bocca di Barbamarco non è ancora praticabile senza correre il rischio di restare incagliati.



Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy