Cerca

VIDEO

Scopri la gallery

VIDEO

FOTO

Scopri la gallery

FOTO

Baricetta regina delle frazioni <br/> con l'incubo della provinciale

Inchiesta frazioni

L'incrocio tra la Sp4 e la Sp41 teatro di troppi incidenti. La proposta è una bretella
La frazione di Baricetta è, senza dubbio, quella in maggior "salute", forte della sua posizione strategica di "incrocio" per tante direzioni. Così ha quasi tutte le attività commerciali: un negozio di alimentari "da Gabriella" con la rivendica di giornali tutti i giorni della settimana, due ristoranti/pizzeria, due bar, due parrucchiere un pub. Così pure molti servizi pubblici: dalla farmacia alla posta, dalla stazione ferroviaria (il viale è in condizioni penose) alla fermata dell'autobus.

Ma il cuore pulsante del paese sono senza dubbio le due scuole: infanzia e primaria. Non mancano, ovviamente, le criticità: le lunghissime fermate al passaggio a livello dividono in due il paese, il problema viene ripetutamente sollevato, ma c'è sempre qualcosa che blocca tutto. Così pure un forte disagio è la mancanza della pensilina per la fermata dell'autobus sulla statale creando due problemi: per la sicurezza delle persone che aspettano il bus a ridosso di una strada molto trafficata; per la difficoltà di dover aspettare sul ciglio soprattutto in queste giornate piovose dove è inevitabile infangarsi. Tante promesse, ma ancora niente.

Un problema di salute pubblica è alla conca dove continuamente si accumulano rifiuti di tutti i tipi portati dalla acque del Canalbianco: un tempo la rimozione avveniva con un certa periodicità, adesso restano fermi per mesi con carcasse di animali che marciscono e tutte le conseguenze facilmente immaginabili, oltre ai cattivi odori nel periodo estivo. Non da meno i problemi al cimitero dove sono necessari interventi di manutenzione nella parte vecchia con alcuni cornicioni che rischiano di cadere da un momento all'altro, mentre nella parte nuova non funzionano bene gli scarichi ed è tutta una pozzanghera. Un'altra criticità è l'accesso al centro civico dove si trovano delegazione comunale, ambulatorio medico, biblioteca e sala polivalente, punto di riferimento centrale per le attività socio/culturali: si arriva da dietro la chiesa attraverso un passaggio stretto, in discesa e alquanto pericoloso. Una proposta emersa in paese è quella di aprire un passaggio di accesso dallo scolo Boniolo creando così un parcheggio che oltre a servire il centro civico sarebbe di grande utilità per il centro sportivo e per l'oratorio di via Einaudi.


La comunità di Baricetta deve, da sempre, fare i conti con quell'incrocio maledetto: l'intersezione tra la Sp 4 Adria-Ceregnano e la Sp 41 Beverare-Villanova Marchesana, ossia davanti alla chiesa. Oltre all'intenso traffico, soprattutto negli orari di punta, è la salita di via Einaudi il nodo critico perché, alla difficoltà nel doversi fermare sulla "cresta", si aggiunge la visibilità quasi nulla per chi arriva da Adria o da Rovigo.
/
Non passa un mese senza un incidente, fortunatamente senza gravi conseguenze, ma non sempre è così. I più anziani ricordano ancora di un trattore con il carico di mais che non era riuscito a fermarsi e per il peso del rimorchio è tornato indietro schiacciando una persona in bici. Una soluzione, comunque, ci sarebbe e l'ha messa a punto il consigliere comunale Giorgio Zanellato avvalendosi della consulenza di qualche amico tecnico. La sua idea è quella di realizzare una bretella che parta dall'ingresso del paese, all'altezza dell'idrovora per chi arriva da Adria, quindi girando dietro l'ufficio postale e piazza Einaudi per raggiungere l'argine del Canalbianco a ridosso dell'incrocio per Canton Basso, quindi proseguire per circa 150 metri lungo la strada arginale fino a intersecarsi con la Sp 4 oltre l'abitato. Operazione fattibile anche perché si tratta di un'area comunale.

Il tutto con un'ampia rotatoria dove attualmente c'è lo spartitraffico per il cimitero. In questo modo l'incrocio vero e proprio verrebbe spostato di circa 100 metri dalla posizione attuale e chi arriva da via Einaudi, dovendo affrontare la salita, non troverebbe più il traffico di adesso. Questa soluzione garantirebbe maggior sicurezza anche per i fedeli che frequentano la chiesa.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Impostazioni privacy