23/05/2022

Polizia

Truffa delle auto fantasma, le prime condanne

La maxi indagine della polizia stradale di Rovigo: 700mila euro il bottino della concessionaria indagata

50776

Polizia stradale

26/01/2022 - 15:54

ROVIGO - Tre patteggiamenti, uno a 2 anni e 6 mesi, due a 2 anni, e una condanna, al termine del processo con rito abbreviato, a un anno, pena sospesa con il beneficio della condizionale. Queste le decisioni del giudice per le udienze preliminari Pietro Mondaini, nell’ambito dell’udienza preliminare figlia della maxi indagine della polizia stradale di Rovigo.

Gli investigatori di questa, infatti, avevano lavorato sull’attività di una concessionaria operante nell’area della Sinistra Po, che proponeva in vendita auto di lusso, a un prezzo più che concorrenziale. Auto che erano disponibili anche per essere visionate da parte dei possibili inquirenti. In realtà, si trattava di vetture, secondo la ricostruzione accusatoria, che l’organizzazione acquisiva a noleggio unicamente per il tempo strettamente necessario per farle vedere. Una volta versato l’anticipo, sempre secondo le contestazioni, la consegna non arrivava mai.

In tutto, secondo quando emerso dalle indagini della stradale, in questa maniera il gruppo avrebbe raccolto, in maniera illecita, una somma nell’ordine dei 700mila euro. L’ipotesi di reato per la quale si procede è quella di associazione per delinquere finalizzata alla truffa. Altri sei imputati si trovano a dibattimento, avendo operato una scelta processuale differente.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0