27/01/2022

CANDA

Canalbianco, presto libero dai rifiuti galleggianti!

E' la convenzione la soluzione sostenibile per la raccolta del materiale abbandonato

pattume galleggiante (1).jpg

La distesa di pattume sul Tartaro-Canalbianco

15/01/2022 - 15:35

CANDA - Finalmente una soluzione per la raccolta dei rifiuti galleggianti nel Canalbianco. Canda ha aderito alla Convenzione per la raccolta dei rifiuti galleggianti lungo il Canalbianco. La delibera è il frutto di un progetto regionale che vede coinvolti tutti Comuni del veronese e del rodigino rivieraschi o che si trovano nel bacino idrografico del fiume. La questione affonda le sue radici nella necessità di trovare una soluzione per raccogliere e smaltire l’enorme quantità di rifiuti finora in capo ai Comuni di Legnago e di Adria. Proteste e segnalazioni, legittime, hanno mobilitato la Regione Veneto la quale, lo scorso agosto, dopo aver promosso vari incontri online, ha licenziato la proposta di convenzione la cui votazione e adesione è in corso in questi mesi da parte di tutti i Comuni coinvolti.

“Arpav e i Consorzi di bonifica - sottolinea il vicesindaco Roberto Tomasini - hanno individuato i Comuni, si è costruita una logica di bacino e si è stabilita la quota in millesimi che ogni Comune dovrà versare. I due Comuni capofila sono Legnago ed Adria. La convenzione, che costa complessivamente circa 50mila euro, prevede che i rifiuti galleggianti vengano raccolti due volte all’anno da parte di Infrastrutture Venete e che lo smaltimento sia a carico dei Comuni. La quota per Canda è di 193 euro. Durante i colloqui con la Regione è emersa ed è stata accolta la necessità di non far ricadere la quantità di rifiuti raccolta sul piano comunale per non gravare sui cittadini che, con meticolosa coscienza civica, si adoperano nella raccolta differenziata. I rifiuti galleggianti quindi non andranno ad appesantire le tasse sui rifiuti che pagano i cittadini dei Comuni convenzionati”. “La bellezza di questa operazione - conclude il vicesindaco Roberto Tomasini - è che questa convenzione è stata resa possibile dalla ricerca di una soluzione sostenibile e condivisa da tutti i soggetti che si sono riconosciuti in un unico e importante obiettivo. Segno che la politica può e deve essere sempre la parte decisiva per risolvere i problemi”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette