17/01/2022

La storia

Il treno gli sfreccia davanti, passeggero ricorre alla Polfer

Il Frecciabianca si era fermato solo pochi istanti. Trafila per la corsa successiva

97662

10/01/2022 - 09:27

ROVIGO - Lasciato a piedi sul binario della stazione. Con il treno Frecciabianca che non ha atteso che potesse salire a bordo.

La disavventura è capitata ad un polesano l’altro giorno alla stazione di Rovigo. Eppure tutto era iniziato con il piede giusto: arrivo in stazione tempestivo, biglietto e prenotazione già fatti, camminata veloce propria della giovane età, attesa sul binario giusto: insomma, tutte le premesse per iniziare il viaggio nel migliore dei modi. 

Il tempo di raggiungere la carrozza giusta, apprestarsi a pigiare il bottone per aprire lo sportello, e il Frecciabianca in partenza da Rovigo alle 7.47 è partito. “In tutto - spiega il viaggiatore - si è fermato pochi secondi”.

L’immediata richiesta di aiuto in biglietteria non ha sortito, spiega, l’effetto immediato. La soluzione che il diretto interessato riteneva di buonsenso, ossia consentirgli di riprendere il viaggio col convoglio successivo, senza ulteriori addebiti, non avendo, di questo era certo, lui sbagliato nulla, non è risultata, a quanto gli è stato detto, percorribile, a causa di automatismi che neppure l’intervento umano dell’operatore sarebbe stato in grado di bypassare. Avrebbe dovuto, infatti, compilare un modulo per domandare il rimborso, inoltrare e sperare. Nel frattempo, se voleva ultimare il viaggio, doveva acquistare un biglietto nuovo, a prezzo intero. Una opzione che il viaggiatore non ha ritenuto di percorrere, certo com’era che nulla gli si potesse addebitare.

Alla fine, a risolvere tutto ha pensato il personale della Polfer che, in effetti, aveva visto dalle telecamere come il giovane rodigino fosse del tutto incolpevole. E così la polizia ferroviaria lo ha messo sul convoglio successivo, spiegando al capotreno la situazione e facendo in modo di informare il capotreno anche della coincidenza. Tutto risolto, quindi.

Con un’unica domanda residua: come mai la polizia ferroviaria poteva risolvere il tutto, pur facendo un altro lavoro, e le Ferrovie no? Uno dei misteri su come in Italia, spesso, funzionano le cose.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • diduve

    16 Gennaio 2022 - 19:07

    Le forze dell'ordine sono straordinarie. Fanno la differenza e la gente lo apprezza.

    Rispondi



Notizie più lette