28/11/2021

ROVIGO

Chili di letame all'ingresso del tribunale: divampano sui social

Offese rivolte alla magistratura dai "leoni da tastiera" subito identificati

25/11/2021 - 14:49

ROVIGO - C’è un procedimento penale, contro ignoti, per il blitz notturno con deposito di svariati chili di letame all’entrata del tribunale di Rovigo. E ce n’è un altro, verso noti, notissimi, con nome, cognome e foto profilo, per coloro che, immediatamente, sui social si sono scatenati, con approvazioni e offese alla magistratura.

Ad annotarli, il presidente del Tribunale Angelo Risi, che ha poi trasmesso la doppia notizia di reato al Procuratore. Per le indagini e gli approfondimenti del caso. Ieri mattina, non appena scoperto l’accaduto, è intervenuta la polizia di Stato, con volanti e scientifica. Si spera molto, ovviamente, nell’analisi delle telecamere di videosorveglianza, che dovrebbero sicuramente avere immortalato l’azione, anche se resta da vedere se i partecipanti, o il partecipante, siano individuabili o meno, così come le targhe di eventuali veicoli.

Intanto, la sottosezione di Anm, Associazione nazionale magistrati, presieduta da Silvia Ferrari, giudice, ha preso posizione sull’accaduto.

“L’ignobile atto - spiega la nota - offende sia le persone che ogni giorno varcano quella porta per svolgere il loro lavoro, magistrati, avvocati, personale amministrativo e di sicurezza, sia coloro che ivi si recano per ottenere giustizia, e rivela l’ignoranza degli autori riguardo al ruolo fondamentale che la Giustizia è chiamata a svolgere nel nostro Paese in questo difficile momento”.

Non è in ogni caso occorso molto - non che sia una giustificazione - per ripulire l’entrata e dare inizio alla giornata di lavoro.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette